Spaghetti all'Amatriciana

Alla fine del diciottesimo secolo l'uso del pomodoro si diffonde nel regno di Napoli, di cui al tempo la città di Amatrice fa parte, e nasce così la ricetta rossa, arricchita dei pomodori San Marzano...
Questa è la versione originale tratta dal disciplinare De.C.O.
Ingredienti (per 4-6 persone):
Spaghetti
500 g spaghetti
125 g guanciale Amatriciano De.C.O.
un goccio vino bianco secco
6-7 pomodori San Marzano oppure 400 g pomodori pelati
un pezzetto di peperoncino fresco o essiccato
olio EVO
pecorino di Amatrice De.C.O. grattugiato
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Fate imbiondire, in una padella rigorosamente di ferro, rosolando leggermente nell'olio EVO, il guanciale Amatriciano, ben nettato da cotica e tagliato a listelli lunghi.
Aggiungete il vino bianco e pepe nero q.b., e cuocete a fuoco basso per alcuni minuti finché il guanciale non risulterà leggermente dorato, facendo molta attenzione che non si rosoli troppo, regola fondamentale per la riuscita della ricetta.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate gli spaghetti.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella; aggiungete abbondante pecorino di Amatrice grattugiato e pepe nero; mescolate delicatamente per un paio di minuti quindi distribuite nei piatti dei commensali e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Spaghetti alla gricia

Sembra di vederli, i pastori che durante la transumanza salivano sull'Appennino per 3-4 mesi e si portavano cibi facili da cucinare e a lunga conservazione... guanciale, pecorino, pasta!
Nasce cosi la gricia o griscia, la ricetta originale senza pomodoro, in quella terra difficile d'Abruzzo...
Questa è la versione originale tratta dal disciplinare De.C.O.
Ingredienti (per 4-6 persone):
Spaghetti
500 g spaghetti
125 g guanciale Amatriciano De.C.O.
un goccio vino bianco secco
olio EVO
pecorino di Amatrice De.C.O. grattugiato
pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Fate imbiondire, in una padella rigorosamente di ferro, rosolando nell'olio EVO, il guanciale Amatriciano, ben nettato da cotica e tagliato a listelli lunghi.
Aggiungete il vino bianco e pepe nero q.b., ed eventualmente il peperoncino, e cuocete a fuoco basso per alcuni minuti finché il guanciale non risulterà leggermente dorato, facendo molta attenzione che non si rosoli troppo, regola fondamentale per la riuscita della ricetta.
Togliete dalla padella i listelli di guanciale, sgocciolate bene e teneteli da parte possibilmente in caldo, evitando così di farli diventare troppo secchi e salati.
Se utilizzate i pomodori San Marzano, sbollentateli per qualche minuto, poi pelateli e privateli dei semi. Tagliate i pomodori a filetti, quindi versateli nella padella; salate, mescolate e cuocete a fuoco vivo per circa 15 minuti, poi togliete il peperoncino, unire i listelli di guanciale e mescolate nuovamente. 
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate gli spaghetti.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella; aggiungete abbondante pecorino di Amatrice grattugiato e pepe nero; mescolate delicatamente per un paio di minuti quindi distribuite nei piatti dei commensali e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Insalata di cavatelli con mocetta e melanzane alla menta

Un'insalata di pasta sfiziosa, che unisce idealmente il nord, la mocetta, con il sud, le melanzane...
Ingredienti (per 4-6 persone):
Cavatelli
500 g cavatelli
200 g mocetta
1 melanzana
50 g funghetti sott'olio
qualche foglia di menta fresca
olio EVO
1 spicchio d'aglio (se piace)
sale, pepe nero macinato al momento

Lavate bene la melanzana, asciugatela, quindi tagliatela a fettine sottili e grigliatele. Quando saranno pronte, disponetele in un contenitore con i bordi alti, aggiungete alcune foglie di menta spezzettate a mano, un pizzico di sale e pepe, l'aglio schiacciato (se piace) ed irrorate d'olio. Lasciate riposare almeno due ore a temperatura ambiente o, meglio, una notte in frigorifero.
Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tagliate la mocetta a striscioline sottili ed i funghetti a metà.
Tagliate anche le melanzane a striscioline dopo aver eventualmente eliminato l'aglio.
Quando l'acqua bolle, salatela e tuffate i cavatelli.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e raffreddatela sotto l'acqua corrente, quindi, dopo aver fatto scolare nuovamente l'acqua, versatela in una zuppiera; aggiungete un filo d'olio, la mocetta, i funghetti, le melanzane con la menta, aggiustate di sale e pepe, mescolate bene e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Pappardelle con speck, gorgonzola e peperoni

Un piatto non leggerissimo, ma estremamente saporito!
Ingredienti (per 4-6 persone):
Pappardelle
500 g pappardelle
150 g speck un una sola fetta
200 g gorgonzola
50 g panna da cucina
1 peperone
1 bustina zafferano
1 scalogno
olio EVO
parmigiano grattugiato
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritare lo scalogno, tagliate lo speck ed il gorgonzola a dadini e il peperone a listarelle.
In una capace padella, fate scaldare dell'olio EVO. Aggiungete lo scalogno quindi, dopo alcuni minuti, lo speck ed il peperone; dopo aver rosolato per qualche altro minuto, aggiungete la panna e, appena sarà calda, lo zafferano e poi il gorgonzola. Fate scaldare, a fiamma molto dolce, aggiungendo, se necessario, una goccia di latte fino ad ottenere una crema.
Aggiustate di sale e pepe. Tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate le pappardelle.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella; mescolate delicatamente per un paio di minuti quindi distribuite nei piatti dei commensali; aggiungete una spolverata di parmigiano grattugiato e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Insalata di farfalle con pollo e pancetta

Un'insalata di pasta ricca e gustosa, perfetta per i giorni un po' più freschi, magari dopo un temporale…
Ingredienti (per 4-6 persone):
Farfalle tricolore
500 g farfalle tricolore
200 g petto di pollo
100 g pancetta (normale o affumicata, come piace di più)
150 g formaggio cremoso
150 g asparagi
100 g olive nere denocciolate
1 cipollotto
olio EVO
salvia
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Lavate e pulite con attenzione gli asparagi, eliminate la parte dura del gambo, tagliate circa 3 cm di punta e riducete il resto a rondelle di 5 mm di spessore.
Tagliate a dadini la pancetta, il petto di pollo e il formaggio cremoso; lavate, asciugate e tagliate a rondelle il cipollotto; tagliate a rondelle le olive.
Scaldate sul fuoco un tegame, quindi aggiungete la pancetta, il pollo, le rondelle di asparagi, tenendo a parte le punte, e qualche foglia di salvia. Dopo qualche minuto aggiungete anche le punte e continuate la cottura finché la pancetta sarà dorata, il pollo ben rosolato e gli asparagi morbidi al punto giusto. Aggiustate di sale e pepe. Scolate dal grasso e tenete in caldo.
Quando l'acqua bolle, salatela e tuffate le farfalle.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e raffreddatela sotto l'acqua corrente, quindi, dopo aver fatto scolare nuovamente l'acqua, versatela in una zuppiera; aggiungete la pancetta, il pollo, gli asparagi, il formaggio, il cipollotto, le olive, mescolate delicatamente e servite tiepida.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF