Torri di lasagne e cotechino

Avanzato cotechino e lenticchie? Non c'è problema, usateli per preparare un primo piatto sfizioso, che vi assicurerà un applauso!
Ingredienti (per 4-6 persone):
lasagne_300
500 g pasta fresca per lasagne
400 g cotechino cotto a fette
200 g lenticchie cotte
500 ml besciamella
parmigiano grattugiato
coriandolo
sale, pepe nero macinato al momento

Scaldate il forno a 200°C.
Frullate le lenticchie e poi, se preferite una crema più liscia, filtratele attraverso un colino. Con un colapasta o un bicchiere ed un coltellino affilato, tagliate dei cerchi nella pasta delle lasagne della misura delle fette di cotechino.
Prendete una teglia e rivestitela di carta da forno.
Disponete sul fondo dei cerchi di besciamella, quindi costruite la torre mettendo un cerchio di lasagna, besciamella, una fetta di cotechino, un po' di lenticchie, coriandolo, sale e pepe. Ripetete un secondo strato partendo con la lasagna, quindi besciamella, cotechino, lenticchie, coriandolo, sale e pepe. Se desiderate fate anche un terzo strato.
Terminate con un cerchio di lasagna, besciamella e parmigiano grattugiato abbondante.
Quando tutte le torri saranno pronte, coprite la teglia con un foglio di alluminio, mettete in forno caldo e cuocete per 20 minuti circa, togliendo l'alluminio negli ultimi 5 minuti. Se sembrano asciugare troppo, bagnate con un goccio di latte.
Appena cotte, distribuitele nei piatti e servite caldissime, con un'ulteriore spolverata di formaggio.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Filejia calabresi con lo stinco

Veloce e saporito, un piatto che ci permette di far fuori un po' di avanzi, dopo le grandi abbuffate di Natale...
E se volete, potete sostituire lo stinco con dell'arrosto o altra carne avanzata.
Ingredienti (per 4-6 persone):
fileja_300
500 g filejia o fileja
1 stinco di maiale precotto
olio EVO
qualche bacca di ginepro
pecorino grattugiato
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Cuocete lo stinco, quindi riducetelo a sfilacci.
In un largo tegame scaldate un po' d'olio e, appena caldo, aggiungete lo stinco e qualche bacca di ginepro appena schiacciata; mescolate bene, aggiustate di sale e continuate a fuoco dolcissimo.
Quando l'acqua bolle, salatela e versatevi i filejia. Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame con il sugo, aggiungete il pecorino grattugiato ed una generosa macinata di pepe, mescolate delicatamente per alcuni minuti, distribuitele nei piatti e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Risotto con salmone e mela renetta al pepe rosa

Tra le pietanze natalizie il salmone non può mancare. Qui in un delicatissimo risotto, dove l'acidità della mela compensa la ricchezza del pesce...
Ingredienti (per 4-6 persone):
Riso_venere_black_rice_copertina-300
500 g riso venere
400 g salmone fresco
2 mele renette medie
50 ml latte
1 scalogno
1 l brodo vegetale
vino bianco secco
burro
pepe rosa in grani
sale, timo

Lavate e pulite il salmone, eliminate la pelle e l'osso centrale, e tagliatelo a dadini. Sbucciate e tagliate a dadini le mele renette. Schiacciate i grani di pepe rosa con la lama del coltello messa di piatto.
Pulite ed affettate finemente lo scalogno e sciacquate il timo. Scaldate il brodo.
In una pentola fate fondere un pezzo di burro, quindi aggiungete lo scalogno, il timo e il pepe rosa, fate rosolare per qualche minuto, e aggiungete il salmone e le mele; dopo un altro minuto, versate anche il riso; tostate, poi sfumate con il vino bianco.
Appena il vino sarà evaporato continuate la cottura aggiungendo brodo caldo e mescolando regolarmente.
Quando il riso sarà quasi cotto, aggiungete il latte e continuate a mescolare. Aggiustate di sale.
Infine, a cottura ultimata, spegnete il fuoco e lasciate riposare per un paio di minuti.
Distribuite nei piatti, decorate con un rametto di timo e servite.
Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Busiate con 'nduja e caciotta

Un piatto per chi ama le sensazioni forti, con il "calore" della nduja appena attenuato dalla dolcezza della caciotta...
Ingredienti (per 4-6 persone):
busiate_300
500 g busiate
100 g 'nduja
100 g caciotta umbra
olio EVO
1 cipolla rossa media
erba cipollina
sale

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Lavate, asciugate e tritate la cipolla rossa. Spellate e schiacciate la 'nduja e un filo d'olio in una ciotola con una forchetta, per ammorbidirla. Tagliate la caciotta a dadini e tagliuzzate l'erba cipollina.
In un largo tegame scaldate un po' d'olio e, appena caldo, aggiungete la cipolla e soffriggete per qualche minuto. Aggiungete la 'nduja, soffriggete ancora per qualche minuto, quindi aggiungete un mestolino di acqua calda, mescolate bene e continuate a fuoco dolcissimo.
Quando l'acqua bolle, salatela e versatevi le busiate. Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame con il sugo, aggiungete un mestolino d'acqua di cottura, i dadini di formaggio, l'erba cipollina, mescolate delicatamente per alcuni minuti, distribuitele nei piatti e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Calamarata con gamberi e canestrelli

Una pasta partenopea, con un sugo di molluschi e crostacei particolarmente gustoso…
Ingredienti (per 4-6 persone):
Calamarata_300
500 g calamarata
200 g gamberi sgusciati
200 g canestrelli (molluschi) senza conchiglia
400 g passata di pomodoro
olio EVO
vino bianco
1 scalogno
timo fresco, coriandolo
sale, pepe, zucchero

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Lavate e asciugate accuratamente tutto il pesce. Lavate, asciugate e tritate lo scalogno.
In un tegame scaldate un po' d'olio e, appena caldo, aggiungete lo scalogno, il timo e il coriandolo e soffriggete per qualche minuto. Aggiungete anche i gamberi, soffriggete ancora per qualche minuto, quindi sfumate con il vino bianco.
Versate il pomodoro, aggiustate di sale e pepe, aggiungete un pizzico di zucchero e cuocete ancora per poco a fiamma bassa.
Quando l'acqua bolle, salatela e versatevi la calamarata. Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame con il sugo, aggiungete i canestrelli, mescolate delicatamente per alcuni minuti, distribuitele nei piatti e servite.

P.S.: per un effetto più scenografico, scolate la pasta a metà cottura, mescolatela con il sugo, disponete le singole porzioni in fogli di carta forno inumiditi, chiudete bene e terminate la cottura in forno a 200°C per 10 minuti; servite ad ognuno il suo cartoccio.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF