Paste lunghe

Fusilli irpini allo zafferano con lardo di colonnata

Campania e Toscana si incontrano per regalarci un sapore unico!
Fusilli irpini_300
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g fusilli irpini
400 g lardo di Colonnata
200 g borlotti già lessati
200 g pomodori ciliegini
1 bustina zafferano
1 cipolla media
rosmarino
olio EVO
pecorino grattugiato
sale, pepe nero macinato al momento, zucchero

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Lavate, asciugate e tritate la cipolla.
Lavate, asciugate e tagliate in quarti i pomodorini.
Tritate finemente il lardo insieme al rosmarino.
In un tegame largo abbastanza per contenere anche la pasta scaldate dell'olio con la cipolla; fate soffriggere per qualche minuto, poi aggiungete il lardo e rosmarino, i borlotti, i pomodorini e un cucchiaino di zucchero. Lasciate cuocere per pochi minuti, poi aggiustate di sale e pepe, spegnete, prelevatene metà e frullatela per ottenere una crema, quindi passate in un colino per eliminare le bucce dei borlotti.
Quando l'acqua bolle, scioglieteci lo zafferano, salatela e tuffateci i fusilli.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela tenendo da parte un mestolino di acqua di cottura e versatela nel tegame; aggiungete la crema frullata e mescolate delicatamente per qualche minuto, aggiungendo se necessario un po' dell'acqua tenuta da parte.
Distribuite nei piatti, spolverate di pecorino grattugiato e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Tripoline con le triglie

Un piatto semplice e saporito... che porta il mare in tavola!
tripoline_pasta_300
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g tripoline
300 g filetti di triglia
300 g pomodori perini
1 spicchio aglio
50 g pane grattugiato
olio EVO
sale, peperoncino

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Lavate, asciugate e tritate lo spicchio d'aglio.
Lavate, asciugate e tagliate a spicchi i pomodori.
In un tegame largo abbastanza per contenere anche la pasta scaldate dell'olio con l'aglio e il peperoncino sbriciolato; fate soffriggere per qualche minuto, poi aggiungete i filetti di triglia con la pelle verso il basso e gli spicchi di pomodoro. Aggiustate di sale, lasciate cuocere per cinque minuti, quindi spegnete; con una spatola prelevate i filetti e teneteli in caldo su un piatto.
In un altro tegame scaldate un filo d'olio, aggiungete il pane grattugiato e fate tostare finché sarà croccante. 
Quando l'acqua bolle, salatela e tuffateci le tripoline.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame con i pomodori; mescolate delicatamente per qualche minuto, quindi distribuite nei piatti.
Aggiungete in ogni piatto alcuni filetti di triglie e una manciata abbondante di pane tostato e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Fettuccine con pescespada e semi di papavero

Un piatto leggero e saporito, ideale per i primi giorni d'estate...
Ingredienti (per 4-6 persone):
fettuccine_300
500 g fettuccine
300 g pesce spada
200 g pomodori ciliegini
2 acciughe sott'olio
olio EVO
1 spicchio aglio
semi di papavero
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Pulite, lavate e sbucciate lo spicchio d'aglio.
Togliete la pelle e l'osso al pesce spada, e tagliatelo a dadini.
Lavate, asciugate e tagliate in quattro spicchi i pomodorini.
In una capace padella fate scaldare dell'olio e, quando sarà caldo, aggiungete l'aglio; lasciate imbiondire per qualche minuto poi toglietelo e aggiungete il pese spada e i pomodorini. Cuocete qualche minuto, aggiustate di sale e pepe, spegnete e tenete in caldo.
Quando l'acqua bolle, salatela e tuffateci le fettuccine.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella con il sugo; aggiungete 2 cucchiaini di semi di papavero, mescolate delicatamente per qualche minuto aggiungendo, se necessario, qualche cucchiaio di acqua di cottura, distribuite nei piatti e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Bigoli con cannellini e ventricina

Il miglior salame d'Italia insieme ad un formaggio fresco e cremoso e alla dolcezza dei cannellini...
Ingredienti (per 4-6 persone):
Bigoli_300
500 g bigoli
300 g ventricina del Vastese
200 g cannellini già lessati
100 g robiola
rosmarino
olio EVO
1 scalogno
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Pulite, lavate e tritate lo scalogno.
Lavate molto bene e asciugate il rosmarino.
Spellate la ventricina e tagliatela a dadini.
In una capace padella fate scaldare dell'olio con il rosmarino e, quando sarà caldo, aggiungete lo scalogno; lasciate imbiondire per qualche minuto, diluendo se necessario con un cucchiaio d'acqua, poi aggiungete la ventricina e, dopo qualche minuto, i cannellini e la robiola; lavorate aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura per ottenere un composto soffice e cremoso. Aggiustate di sale e pepe, spegnete e tenete in caldo.
Quando l'acqua bolle, salatela e tuffateci i bigoli.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella con il sugo; mescolate delicatamente per qualche minuto a fiamma bassa, quindi distribuite nei piatti e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Tonnarelli gamberi e spinaci

Un piatto primaverile, adatto per le prime giornate di sole e caldo...
Ingredienti (per 4-6 persone):
tonnarelli_300
500 g tonnarelli
250 g gamberi già sgusciati e puliti
250 g spinaci novelli
100 g gherigli di noci
olio EVO
1 limone non trattato
1 scalogno
1 rametto di timo
vino bianco secco
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Pulite, lavate e tritate lo scalogno.
Sciacquate e asciugate gli spinaci.
Tritate grossolanamente le noci.
Lavate molto bene e asciugate il limone.
In una capace padella fate scaldare dell'olio con il timo e, quando sarà caldo, aggiungete lo scalogno; lasciatela imbiondire per qualche minuto poi aggiungete i gamberi. Rosolate ancora per qualche minuto, poi sfumate con il vino bianco, lasciate evaporare e continuate la cottura per pochi minuti. Aggiustate di sale e pepe.
Aggiungete gli spinaci e le noci, spegnete e tenete in caldo.
Quando l'acqua bolle, salatela e versatevi i tonnarelli.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella con il sugo; aggiungete un paio di cucchiai di acqua di cottura e saltate per un paio di minuti, quindi distribuite nei piatti, grattugiate su ogni piatto un po' di buccia di limone (solo la parte gialla) e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Spaghetti alla carbonara

Uno dei piatti più amati d'Italia, dalle origini non chiare...
Questa è la mia interpretazione!
Ingredienti (per 4-6 persone):
spaghetti-600x335_300
500 g spaghetti
300 g guanciale (o bacon affumicato) in un'unica fetta
5 tuorli d'uovo
150 g pecorino romano grattugiato
olio EVO
sale, pepe nero grattugiato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tagliate il guanciale a dadini di circa 1 cm di lato.
In una capace padella fate scaldare pochissimo olio EVO e, quando è caldo, aggiungete il guanciale e rosolate finché non sarà  dorato come piace a voi.
In una terrina grande (dovrà contenere anche la pasta), sbattete i tuorli con metà del pecorino e abbondante pepe nero.
Quando l'acqua bolle, salatela poco e versatevi gli spaghetti.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella con il guanciale; saltatela per un paio di minuti, quindi rovesciate il tutto nella terrina con le uova e mescolate velocemente aggiungendo altro pecorino e pepe nero, distribuite nei piatti e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Bavette con merluzzo al curry

Un gusto orientale, ma non per questo meno invitante...
Ingredienti (per 4-6 persone):
Bavette_300
500 g bavette
300 g merluzzo senza pelle e lische
200 g pomodorini invernali
1 grossa cipolla
150 ml latte di cocco
olio EVO
curry
scorza di lime (o limone) grattugiata
sale, pepe nero grattugiato al momento

Pulite, lavate, asciugate e tritate finemente la cipolla; mettetela a bagno per 30 minuti con 50 ml di latte di cocco.
Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Scolate la cipolla e asciugatela; lavate e tagliate in 4 spicchi i pomodorini; tagliate a dadini il merluzzo.
In una capace padella fate scaldare dell'olio EVO e, quando è caldo, soffriggete la cipolla per qualche minuto. Aggiungete il merluzzo e i pomodorini e continuate ancora per qualche minuto, quindi aggiungete i rimanenti 100 ml di latte di cocco e un cucchiaino di curry. Continuate la cottura a fuoco moderato lasciando asciugate il latte di cocco; aggiustate di sale e pepe.
Quando l'acqua bolle, salatela e versatevi le bavette.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella con il sugo; aggiungete la scorza di lime grattugiata, mescolate delicatamente per un paio di minuti, distribuite nei piatti e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Linguine con gamberi, peperoni cruschi e bottarga

Ricco di gusto e delicatezza, un piatto che unisce la terra al mare...
Ingredienti (per 4-6 persone):
Linguine_300
500 g linguine
300 g gamberi sgusciati e puliti
100 g peperoni cruschi
olio EVO
bottarga
pane grattugiato
sale, pepe nero grattugiato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tagliate la testa ai peperoni cruschi, eliminate tutti i semi e tagliateli a pezzi.
In una capace padella fate scaldare dell'olio EVO e, quando è caldo, soffriggete i peperoni cruschi per 20-30 secondi. Toglieteli e metteteli su un piatto, poi sbriciolateli con le dita. Mettete in padella i gamberi e portate a cottura a fuoco moderato; aggiustate di sale e pepe.
Quando l'acqua bolle, salatela e versatevi le linguine.
Quando la pasta sarà molto al dente, scolatela e versatela nella padella con il sugo; aggiungete i peperoni cruschi sbriciolati, una manciata di pan grattato, mescolate delicatamente per un paio di minuti, distribuite nei piatti, spolverate con un cucchiaio di bottarga e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Ciriole umbre con crema di broccoli, soppressata e brie

Un sapore intenso e deciso, con la cremosità del brie accostata al sapore della soppressata e alla dolcezza del broccolo...
Ingredienti (per 4-6 persone):
ciriole_300
500 g ciriole umbre
200 g soppressata calabra
300 g cime di broccoli pulite
200 g brie
50 g mandorle a lamelle
olio EVO
1 cipolla rossa media
peperoncino
sale

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Pulite, lavate e asciugate la cipolla, e tritatela. Tagliate a dadini la soppressata. Togliete la crosta al brie e tagliate anch'esso a dadini. Appena l'acqua bolle, salatela e tuffateci i broccoli. Scolateli dopo 5 minuti, conservando l'acqua per la pasta.
In una capace padella, fate scaldare dell'olio EVO, quindi aggiungete la cipolla e il peperoncino. Soffriggete qualche minuto, poi aggiungete anche la soppressata e i broccoli. Quando i broccoli avranno preso sapore, recuperateli con circa metà della soppressata, e frullate il tutto con qualche cucchiaio di acqua di cottura fino ad ottenere una crema morbida.
Nel frattempo versate le ciriole nell'acqua bollente che avete tenuto.
Quando mancano un paio di minuti alla pasta, mettete la crema di broccoli nella padella e scaldate.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella con il sugo; aggiungete il brie e le mandorle, mescolate delicatamente per un paio di minuti, distribuite nei piatti e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Torri di lasagne e cotechino

Avanzato cotechino e lenticchie? Non c'è problema, usateli per preparare un primo piatto sfizioso, che vi assicurerà un applauso!
Ingredienti (per 4-6 persone):
lasagne_300
500 g pasta fresca per lasagne
400 g cotechino cotto a fette
200 g lenticchie cotte
500 ml besciamella
parmigiano grattugiato
coriandolo
sale, pepe nero macinato al momento

Scaldate il forno a 200°C.
Frullate le lenticchie e poi, se preferite una crema più liscia, filtratele attraverso un colino. Con un colapasta o un bicchiere ed un coltellino affilato, tagliate dei cerchi nella pasta delle lasagne della misura delle fette di cotechino.
Prendete una teglia e rivestitela di carta da forno.
Disponete sul fondo dei cerchi di besciamella, quindi costruite la torre mettendo un cerchio di lasagna, besciamella, una fetta di cotechino, un po' di lenticchie, coriandolo, sale e pepe. Ripetete un secondo strato partendo con la lasagna, quindi besciamella, cotechino, lenticchie, coriandolo, sale e pepe. Se desiderate fate anche un terzo strato.
Terminate con un cerchio di lasagna, besciamella e parmigiano grattugiato abbondante.
Quando tutte le torri saranno pronte, coprite la teglia con un foglio di alluminio, mettete in forno caldo e cuocete per 20 minuti circa, togliendo l'alluminio negli ultimi 5 minuti. Se sembrano asciugare troppo, bagnate con un goccio di latte.
Appena cotte, distribuitele nei piatti e servite caldissime, con un'ulteriore spolverata di formaggio.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Busiate con 'nduja e caciotta

Un piatto per chi ama le sensazioni forti, con il "calore" della nduja appena attenuato dalla dolcezza della caciotta...
Ingredienti (per 4-6 persone):
busiate_300
500 g busiate
100 g 'nduja
100 g caciotta umbra
olio EVO
1 cipolla rossa media
erba cipollina
sale

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Lavate, asciugate e tritate la cipolla rossa. Spellate e schiacciate la 'nduja e un filo d'olio in una ciotola con una forchetta, per ammorbidirla. Tagliate la caciotta a dadini e tagliuzzate l'erba cipollina.
In un largo tegame scaldate un po' d'olio e, appena caldo, aggiungete la cipolla e soffriggete per qualche minuto. Aggiungete la 'nduja, soffriggete ancora per qualche minuto, quindi aggiungete un mestolino di acqua calda, mescolate bene e continuate a fuoco dolcissimo.
Quando l'acqua bolle, salatela e versatevi le busiate. Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame con il sugo, aggiungete un mestolino d'acqua di cottura, i dadini di formaggio, l'erba cipollina, mescolate delicatamente per alcuni minuti, distribuitele nei piatti e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Trenette risottate al nero con ciuffi di calamaro

Un modo diverso di preparare la pasta; richiede un po' più di attenzione, ma ne vale la pena…
Ingredienti (per 4-6 persone):
Trenette
500 g trenette
300 g ciuffi di calamaro puliti
1 bustina (5 cl) nero di seppia
olio EVO
1 spicchio aglio (intero o, se vi piace più saporita, spremuto)
vino bianco
prezzemolo
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Pelate l'aglio ed eventualmente spremetelo; lavate, asciugate e tritate il prezzemolo.
In un tegame scaldate un po' d'olio e, appena caldo, aggiungete l'aglio e soffriggete per qualche minuto. A questo punto togliete l'aglio, se preferite, ed aggiungete i ciuffi di calamaro; quando avranno preso calore, sfumate con il vino bianco e spegnete non appena evaporato.
Quando l’acqua bolle, salatela e versatevi le trenette. Quando saranno a metà cottura, scolatele conservando l'acqua di cottura, versatele nella padella, accendete il fuoco e aggiungete un mestolo di acqua di cottura e il nero di seppia; continuate la cottura come se fosse un risotto, mescolando accuratamente ed aggiungendo l'acqua man mano che evapora. Aggiustate di sale e pepe.
Quando la pasta sarà al dente, distribuite nei piatti dei commensali, spolverate con il prezzemolo e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Pici all'aglione

Un piatto tipico della zona di Siena, con i pici, spaghettoni tozzi, e l'aglione, un parente dell'aglio molto speciale, delicato e digeribile, che si trova solo in quelle zone!
Ingredienti (per 4-6 persone):
Pici
500 g pici
4 spicchi aglione (circa 100 g)
400 g pomodori san Marzano o pelati
olio EVO
vino bianco
1 peperoncino fresco
pecorino senese stagionato
sale, zucchero

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua. Pulite l'aglione, lavate e tritate i pomodori, se li usate freschi. Tagliate il peperoncino a rondelle ed eliminate i semi se lo preferite meno piccante. Nel frattempo in un tegame versate dell'olio e, appena caldo, aggiungete l'aglione, schiacciato con la lama di un coltello, e mezzo bicchiere di vino bianco. Cuocete con il coperchio per circa 15 minuti, quindi schiacciate l'aglione fino a ridurlo ad una crema. Aggiungete i pomodori tritati o i pelati, un pizzico di zucchero, sale ed il peperoncino; continuate la cottura finché il pomodoro si sarà asciugato e ristretto.
Quando l’acqua bolle, salatela, versatevi un goccio d'olio EVO e tuffate i pici.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame con il sugo, spolverate con il pecorino senese grattugiato, mescolate delicatamente per alcuni minuti, distribuite nei piatti dei commensali e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Rotoli di lasagne ricce con pollo e formaggi

Un piatto ricco, da servire come piatto unico, con una bella insalata a fianco!
Ingredienti (per 4-6 persone):
Lasagne ricce
500 g lasagne ricce
400 g sfilacci di pollo cotti
150 g pancetta a dadini (normale o affumicata, come si preferisce)
200 g panna
100 g formaggio cremoso
100 g scamorza grattugiata
100 g parmigiano grattugiato
100 g burro
olio EVO
erba cipollina
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua e accendete il forno a 175°C.
Nel frattempo in un tegame alto aggiungete burro, formaggio cremoso e panna e portate a bollore. Aggiustate di sale e pepe, quindi aggiungete il parmigiano e mescolate per un paio di minuti, finché non sarà ben amalgamato.
In un altro tegame, abbrustolite la pancetta.
Versate uno strato sottile della crema ottenuta sul fondo di una teglia, quindi rimettete sul fuoco e aggiungete pollo e pancetta; mescolate per bene e spegnete la fiamma.
Quando l’acqua bolle, salatela, versatevi un goccio d'olio EVO e tuffate le lasagne ricce.
Appena la pasta si sarà ammorbidita, scolatela e appoggiatela ben distesa su un canovaccio pulito.
Depositate ad una estremità di ogni lasagnetta 1 cucchiaio del composto di formaggio, pollo e pancetta, e arrotolate; mettete il rotolo così ottenuto nella teglia. Quando avrete preparato tutti i rotoli, ricoprite con il composto di formaggio, pollo e pancetta rimasto, aggiungete la scamorza ed infornate a 175°C per 30 minuti.
Al termine, distribuite nei piatti dei commensali, spolverate con un po' di erba cipollina e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Scialatielli con peperoni, luganega e dragoncello

Una ricetta molto saporita, adatta per un pranzo domenicale, ancor più con le prime giornate fresche…
Ingredienti (per 4-6 persone):
Scialatielli
500 g scialatielli
300 g luganega
1 peperone giallo
1 peperone verde
olio EVO
1 scalogno
pecorino grattugiato
dragoncello
sale, pepe nero macinato al momento

Accendete il forno alla temperatura massima.
Lavate e asciugate i peperoni, quindi disponeteli sulla teglia sopra un foglio di carta da forno ed infornateli.
Girateli ogni 5 minuti e lasciateli finché la pelle sarà abbrustolita; toglieteli quindi dal forno e metteteli in un contenitore coperto. Lasciateli riposare per cinque minuti, quindi spellateli, apriteli ed eliminate picciolo e semi. Tagliateli a filetti.
Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Pulite e lavate lo scalogno e tritatelo; spellate la luganega, quindi sgranatela in una scodella con una goccia di olio, aiutandovi con una forchetta.
In una capace padella, fate scaldare dell'olio EVO. Aggiungete lo scalogno quindi, dopo alcuni minuti, la luganega. Lasciate rosolare, poi aggiungete i filetti di peperone e il dragoncello e lasciate cuocere a fuoco basso, aggiungendo un po' d'acqua di cottura se fosse necessario. Aggiustate di sale e pepe.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate gli scialatielli.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella con il sugo. Fate insaporire per un paio di minuti, quindi distribuite nei piatti dei commensali, spolverate con il pecorino e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Pasta c’anciova e a muddica atturrata

Gli emigranti che lasciavano Palermo per andare a lavorare nel nord Italia non potevano portarsi i prodotti freschi utilizzati per i piatti tipici della loro città, e quindi si attrezzavano con prodotti “di conserva” che duravano a lungo dopo la preparazione: le acciughe salate e l’estratto (concentrato) di pomodoro. Con questi prodotti preparavano la pasta c’anciova e a muddica atturrata, sia bianca (senza pomodoro) che rossa…
Ingredienti (per 4-6 persone):
Mafalde
500 g mafalde (chiamate anche margherite)
8 acciughe salate
200 g estratto di pomodoro
100 g di pangrattato
una manciata di passolini (uvetta) e pinoli
olio EVO
1 piccola cipolla
1 spicchio aglio
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo pulite e lavate l'aglio e la cipolla e tritateli; sciacquate le acciughe dal sale e mettete i passolini in una ciotolina con un po' di acqua tiepida.
In una capace padella, fate scaldare dell'olio EVO. Aggiungete la cipolla quindi, dopo alcuni minuti, l'aglio e le acciughe. Quando le acciughe si saranno sciolte, aggiungete l'estratto di pomodoro e allungate con un mestolino dell'acqua di cottura della pasta; aggiungete anche i passolini scolati e i pinoli. Cuocete a fiamma bassa per circa 15 minuti, aggiungendo ancora un po' d'acqua calda se si dovesse restringere troppo. Aggiustate di sale e pepe.
A parte, in una piccola padella, mettete un po' d'olio, il pangrattato, sale e pepe e scaldate a fiamma bassa mescolando frequentemente finché non prende un bel colore ambrato; questa è la muddica atturrata!
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate le mafalde.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella con la salsa. Fate insaporire per un paio di minuti, quindi distribuite nei piatti dei commensali, spolverate con la muddica e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Spaghetti all'Amatriciana

Alla fine del diciottesimo secolo l'uso del pomodoro si diffonde nel regno di Napoli, di cui al tempo la città di Amatrice fa parte, e nasce così la ricetta rossa, arricchita dei pomodori San Marzano...
Questa è la versione originale tratta dal disciplinare De.C.O.
Ingredienti (per 4-6 persone):
Spaghetti
500 g spaghetti
125 g guanciale Amatriciano De.C.O.
un goccio vino bianco secco
6-7 pomodori San Marzano oppure 400 g pomodori pelati
un pezzetto di peperoncino fresco o essiccato
olio EVO
pecorino di Amatrice De.C.O. grattugiato
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Fate imbiondire, in una padella rigorosamente di ferro, rosolando leggermente nell'olio EVO, il guanciale Amatriciano, ben nettato da cotica e tagliato a listelli lunghi.
Aggiungete il vino bianco e pepe nero q.b., e cuocete a fuoco basso per alcuni minuti finché il guanciale non risulterà leggermente dorato, facendo molta attenzione che non si rosoli troppo, regola fondamentale per la riuscita della ricetta.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate gli spaghetti.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella; aggiungete abbondante pecorino di Amatrice grattugiato e pepe nero; mescolate delicatamente per un paio di minuti quindi distribuite nei piatti dei commensali e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Spaghetti alla gricia

Sembra di vederli, i pastori che durante la transumanza salivano sull'Appennino per 3-4 mesi e si portavano cibi facili da cucinare e a lunga conservazione... guanciale, pecorino, pasta!
Nasce cosi la gricia o griscia, la ricetta originale senza pomodoro, in quella terra difficile d'Abruzzo...
Questa è la versione originale tratta dal disciplinare De.C.O.
Ingredienti (per 4-6 persone):
Spaghetti
500 g spaghetti
125 g guanciale Amatriciano De.C.O.
un goccio vino bianco secco
olio EVO
pecorino di Amatrice De.C.O. grattugiato
pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Fate imbiondire, in una padella rigorosamente di ferro, rosolando nell'olio EVO, il guanciale Amatriciano, ben nettato da cotica e tagliato a listelli lunghi.
Aggiungete il vino bianco e pepe nero q.b., ed eventualmente il peperoncino, e cuocete a fuoco basso per alcuni minuti finché il guanciale non risulterà leggermente dorato, facendo molta attenzione che non si rosoli troppo, regola fondamentale per la riuscita della ricetta.
Togliete dalla padella i listelli di guanciale, sgocciolate bene e teneteli da parte possibilmente in caldo, evitando così di farli diventare troppo secchi e salati.
Se utilizzate i pomodori San Marzano, sbollentateli per qualche minuto, poi pelateli e privateli dei semi. Tagliate i pomodori a filetti, quindi versateli nella padella; salate, mescolate e cuocete a fuoco vivo per circa 15 minuti, poi togliete il peperoncino, unire i listelli di guanciale e mescolate nuovamente. 
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate gli spaghetti.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella; aggiungete abbondante pecorino di Amatrice grattugiato e pepe nero; mescolate delicatamente per un paio di minuti quindi distribuite nei piatti dei commensali e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Pappardelle con speck, gorgonzola e peperoni

Un piatto non leggerissimo, ma estremamente saporito!
Ingredienti (per 4-6 persone):
Pappardelle
500 g pappardelle
150 g speck un una sola fetta
200 g gorgonzola
50 g panna da cucina
1 peperone
1 bustina zafferano
1 scalogno
olio EVO
parmigiano grattugiato
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritare lo scalogno, tagliate lo speck ed il gorgonzola a dadini e il peperone a listarelle.
In una capace padella, fate scaldare dell'olio EVO. Aggiungete lo scalogno quindi, dopo alcuni minuti, lo speck ed il peperone; dopo aver rosolato per qualche altro minuto, aggiungete la panna e, appena sarà calda, lo zafferano e poi il gorgonzola. Fate scaldare, a fiamma molto dolce, aggiungendo, se necessario, una goccia di latte fino ad ottenere una crema.
Aggiustate di sale e pepe. Tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate le pappardelle.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella; mescolate delicatamente per un paio di minuti quindi distribuite nei piatti dei commensali; aggiungete una spolverata di parmigiano grattugiato e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Maccheroni al ferretto con capocollo, olive piccanti e rucola

Maccheroni al ferretto
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g maccheroni al ferretto
300 g capocollo a dadini
100 g olive condite piccanti denocciolate
200 g pecorino romano grattugiato
100 g rucola
1 piccola cipolla
olio EVO
sale, peperoncino

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Nel frattempo pulite, lavate e tritate finemente la cipolla; lavate e asciugate la rucola.
Scaldate dell'olio EVO in un largo tegame e, quando sarà caldo, aggiungete la cipolla e soffriggete per alcuni minuti, quindi aggiungete anche il capocollo. Insaporite con il peperoncino e portate a cottura a fuoco dolce in modo che il capocollo rimanga morbido, allungando se necessario con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.
Quando l'acqua bolle salatela, versate i maltagliati e un filo d'olio.
Quando la la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame, aggiungete le olive ed il pecorino romano, mescolate per qualche minuto, quindi distribuite nei piatti, aggiungete un manciatina di rucola e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Involtini di spaghetti

spaghetti-600x335_300
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g spaghetti
3 fettine sottili di carne sottili, tipo carpaccio, per ogni commensale
100 g provolone saporito grattugiato
sugo di pomodoro
olio EVO
pecorino grattugiato
pangrattato
fili di erba cipollina
sale, pepe nero grattugiato al momento, origano

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua e accendete il forno a 200°C.
Quando l'acqua bolle, versate gli spaghetti ed un goccio d'olio.
Quando la la pasta sarà molto al dente, scolatela e passatela brevemente sotto l'acqua per raffreddarla.
Irrorate gli spaghetti con un po' d'olio, mescolate e tagliateli a metà.
Stendete le fettine di carne, mettete su ognuna un mazzetto di spaghetti, 1-2 cucchiai di sugo e una spolverata di provolone saporito; arrotolate, legate con un filo di erba cipollina e disponete in una teglia rivestita di carta da forno.
Spolverate con il parmigiano grattugiato, il pangrattato, l'origano, irrorate a filo con l'olio EVO e passate in forno per 10 minuti.
Portate la teglia direttamente in tavola e porzionate.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Fusilli bucati lunghi con petto di pollo, asparagi e gorgonzola

fusilli-bucati-lunghi_300
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g fusilli bucati lunghi
250 g petto di pollo
200 g asparagi
200 g gorgonzola dolce
1 scalogno
burro
vino bianco secco
sale, pepe nero macinato al momento, timo

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tritate finemente lo scalogno e tagliate a dadini il pollo ed il gorgonzola.
Lavate e pulite con attenzione gli asparagi, eliminate la parte dura del gambo, tagliate circa 3 cm di punta e mettetela da parte e riducete il resto a rondelle di 5 mm di spessore.
Mettete sul fuoco un largo tegame con del burro e, quando sarà sciolto, aggiungete il petto di pollo e soffriggete per alcuni minuti, quindi aggiungete le rondelle di asparagi. Dopo qualche minuto sfumate con il vino bianco e, quando sarà evaporato, aggiungete le punte di asparago ed il timo; aggiustate di sale e insaporite con il pepe secondo il vostro gusto. Portate a cottura, eventualmente aggiungendo un po' di acqua di cottura della pasta.
Quando l'acqua bolle, salatela ed aggiungete i fusilli bucati ed un goccio d'olio.
Quando la la pasta sarà molto al dente, scolatela tenendo da parte un mestolo di acqua di cottura e versatela nel tegame, aggiungete il gorgonzola, mescolando terminate la cottura della pasta utilizzando l'acqua tenuta a parte, quindi distribuite nei piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Reginette con ragù ricco di cernia

reginette_300
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g reginette
250 g filetti di cernia senza pelle
200 g pomodori ciliegini
100 g burrata
1 scalogno
olio EVO
vino bianco secco
coriandolo in polvere e in foglie
sale, pepe nero macinato al momento, timo, zucchero

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tritate finemente lo scalogno e tagliate i pomodorini in quattro spicchi.
Mettete sul fuoco un largo tegame con dell'olio EVO e, quando sarà caldo, aggiungete lo scalogno e soffriggete per alcuni minuti, quindi aggiungete i filetti di cernia. Dopo qualche minuto sfumate con il vino bianco e, quando sarà evaporato, aggiungete i pomodorini, un pizzico di zucchero, il coriandolo in polvere ed il timo; aggiustate di sale e insaporite con il pepe secondo il vostro gusto. Con una spatola o un cucchiaio massaggiate delicatamente i filetti finché non si sbriciolano, eventualmente aggiungendo un po' di acqua di cottura della pasta.
Quando l'acqua bolle, salatela ed aggiungete le reginette ed un goccio d'olio.
Quando la la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame, aggiungete la burrata "stracciata" con le dita, le foglie di coriandolo, insaporite per qualche minuto quindi distribuite nei piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Strangozzi con agnello e olive

strangozzi_300
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g strangozzi
400 g carne di agnello già cotta
200 g olive nere denocciolate
200 g passata di pomodoro
pecorino grattugiato
vino rosso
1 scalogno
olio EVO
sale, peperoncino, timo, zucchero

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tritate finemente lo scalogno e l'agnello.
Mettete sul fuoco un largo tegame con dell'olio EVO e, quando sarà caldo, aggiungete lo scalogno e soffriggete per alcuni minuti, quindi aggiungete l'agnello. Dopo qualche minuto sfumate con il vino rosso e, quando sarà evaporato, aggiungete la passata, un pizzico di zucchero, le olive ed il timo; aggiustate di sale e insaporite con il peperoncino secondo il vostro gusto.
Quando l'acqua bolle, salatela ed aggiungete gli strangozzi ed un goccio d'olio.
Quando la la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame, aggiungete il pecorino grattugiato, insaporite per qualche minuto quindi distribuite nei piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Ziti con broccolo romanesco al forno

zitilunghi202_300
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g ziti
500 g broccolo romanesco
300 g arrosto di tacchino a fette spesse
200 g scamorza
500 ml besciamella light
1 spicchio aglio
olio EVO
formaggio grattugiato
pasta d'acciughe
sale, pepe nero, possibilmente macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua e preriscaldate il forno a 200°C.
Lavate e pulite bene il broccolo e dividetelo in cimette, tagliate a dadini il tacchino, grattugiate grossolanamente la scamorza con una grattugia a fori grossi o con un tritatutto e preparate la besciamella secondo la ricetta.
Quando l'acqua bolle, salatela ed aggiungete il broccolo; dopo 5 minuti, scolatelo conservando l'acqua di cottura.
Mettete sul fuoco un largo tegame con un giro d'olio e, quando l'olio è caldo, aggiungete l'aglio (intero se preferite poi toglierlo, altrimenti a fettine o spremuto), la pasta d'acciughe, il broccolo ed il tacchino. Insaporite tutto insieme per qualche minuto. Regolate di sale e pepe.
Riportate l'acqua a bollore e aggiungete gli ziti ed un goccio d'olio.
Quando saranno molto al dente, scolateli, quindi prendete una teglia, ungetela o foderatela di carta forno e disponete sul fondo un leggero strato di besciamella, poi uno strato di ziti allineati, broccoli e tacchino, scamorza e formaggio grattugiato; continuate alternando besciamella, ziti, broccoli e tacchino, scamorza e formaggio grattugiato finché non avrete terminato tutti gli ingredienti, ricoprendo infine con abbondante formaggio grattugiato. Mettete in forno per 15 minuti, avendo cura di usare il grill negli ultimi 2, distribuite nei piatti, spolverate ancora con formaggio e pepe e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Spaghetti alla chitarra con capesante e friggitelli

spaghetti-alla-chitarra_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g spaghetti alla chitarra
400 g capesante senza conchiglia
300 g friggitelli
olio EVO
vino bianco (consiglio del prosecco)
bottarga
sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tagliate i friggitelli a rondelle, quindi lavateli, asciugateli e privateli dei semi e della pellicina interna.
Mettete sul fuoco un largo tegame con un giro d'olio e, quando l'olio è caldo, unite gli anelli di friggitelli. Lasciate soffriggere per qualche minuto, quindi sfumate con il vino bianco e aggiustate di sale e pepe. Quando il vino sarà evaporato, aggiungete poca acqua di cottura della pasta, coprite con il coperchio e lasciate cuocere a fuoco lento.
Lavate bene le capesante, quindi dividete i coralli dalle noci e dividete queste ultime a metà per la lunghezza, in modo da ottenere due dischi. Quando l'acqua bolle, salatela ed aggiungete gli spaghetti ed un goccio d'olio. Mentre gli spaghetti cuociono, aggiungete le capesante nel sugo e aggiustate nuovamente di sale e pepe.
Quando gli spaghetti saranno al dente, scolateli e versateli nel tegame con il sugo, mescolate per qualche minuto, distribuiteli nei piatti, spolverate con poca bottarga e servite.
Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Lasagne bianche con pesce e frutti di mare

lasagna 200
Ingredienti per 6-8 porzioni:
500 g pasta per lasagne fresca
200 g gamberi sgusciati
200 g canestrelli (molluschi) senza conchiglia
400 g merluzzo senza pelle e lische
200 g pomodori ciliegini
50 g olive nere a rondelle
50 g olive verdi a rondelle
100 g burro
100 g farina
1 l latte
timo fresco, coriandolo, noce moscata, zenzero
sale, pepe, zucchero

Lavate e asciugate accuratamente tutto il pesce e tagliate grossolanamente a pezzetti il merluzzo. Tagliate in otto parti i pomodorini e conditeli con zucchero, sale e pepe; lasciateli riposare.
In una pentola, portate il latte ad ebollizione con sale, pepe, timo, coriandolo e zenzero.
Quando bolle, versate il pesce e lasciate cuocere a fuoco molto dolce per 5 minuti. Recuperate il pesce e, se necessario, filtrate il latte.
In un'altra pentola fate fondere il burro senza farlo friggere, quindi incorporate la farina e con una frusta mescolate bene per formare un roux, finché non si colora leggermente; mescolando sempre aggiungete il latte caldo lentamente, grattugiate un po' di noce moscata e lasciate sul fuoco finché non si addensa - 3-4 minuti - per ottenere una besciamella morbida (se necessario, aggiungete ancora un po' di latte).
Tritate abbastanza finemente il pesce, quindi incorporatelo alla besciamella; incorporate anche i pomodorini e le olive verdi e nere.
Prendete una teglia e rivestitela di carta forno o ungetela bene con il burro. Mettete sul fondo uno strato sottile di besciamella, quindi alternate strati di pasta e besciamella mista al pesce. Terminate ricoprendo bene con la besciamella in modo che la pasta non si secchi in forno. Coprite la teglia con un foglio di alluminio. Tutta questa preparazione si può fare anche il giorno prima, conservando le lasagne in frigorifero. Toglietele almeno un'ora prima di infornarle e tenetele a temperatura ambiente.
Scaldate il forno a 200°C.
Cuocete le lasagne in forno caldo per 20 minuti circa, togliendo il foglio di alluminio 5 minuti prima della fine, finché non saranno ben calde e leggermente dorate in superficie.
Una volta pronte distribuitele nei piatti e servite. P.S.: potete variare il pesce come preferite, aggiungendo anche cozze, vongole o altri molluschi.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle bio con castagne, porcini, salsiccia e ricotta

tagliatelle bio_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Tagliatelle biologiche Val di Vara
300 g salsiccia
300 g porcini
200 g castagne
100 g ricotta
olio EVO
vino bianco
1 scalogno
timo
sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo
- tritate finemente lo scalogno;
- pulite i porcini, tagliando ed eliminando la parte finale del gambo, quindi pulendoli dalla terra con un panno umido (se fossero molto sporchi, si possono passare velocemente sotto l'acqua) e tagliateli a fettine;
- sbucciate e spellate le castagne, ponendole nel forno a microonde a potenza massima per 3 minuti, dopo averle incise sul fondo, quindi tritatele grossolanamente;
- sgranate la salsiccia: per farlo più facilmente, spellatela e mettetela in una ciotola con un goccio d’olio, quindi massaggiatela con una forchetta;
- lavorate la ricotta in una ciotola con una forchetta per renderla cremosa.
Scaldate un tegame, quindi aggiungete un giro di olio EVO e lo scalogno. Fate rosolare per qualche minuto, poi aggiungete anche la salsiccia e continuate la cottura per qualche altro minuto; sfumate con un goccio di vino bianco. Aggiungete i funghi e, dopo qualche minuto, le castagne e il timo; aggiustate di sale e pepe. Continuate la cottura a fuoco dolcissimo aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta, se necessario.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele nel sugo, aggiungente anche la ricotta e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio integrali con verza e merluzzo

taglierini bio integrali
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici integrali Val di Vara
400 g merluzzo pulito
1 verza media
100 ml panna da cucina
1 piccola cipolla
olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino curry
sale, pepe

Ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tritate la cipolla e tagliate il merluzzo a cubetti.
Pulite la verza: sfogliatela, tritatela a striscioline eliminando la parte dura centrale e lavatela più volte accuratamente per eliminare tutta la terra. Scolatela ma non asciugatela (l'acqua vi aiuterà nella cottura).
Scaldate sul fuoco un tegame e, quando sarà ben caldo, aggiungete un filo d'olio EVO, il curry e la cipolla; soffriggete qualche minuto, quindi aggiungete la verza. Fate prendere calore, in modo che diminuisca un po' di volume, poi aggiungete anche il merluzzo. Aggiustate di sale e pepe, e cuocete a fuoco dolce allungando, se necessario, con un po' di acqua di cottura della pasta.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Aggiungete la panna nel sugo e continuate la cottura a fuoco dolce.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel tegame, mescolate delicatamente per qualche minuto, poi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle di castagne con verzini e verza

tagliatelle castagne_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Tagliatelle di castagne Val di Vara
6 verzini
1 piccola verza
1 cipolla
1 carota
1 gambo di sedano
100 g passata di pomodoro
olio extravergine d'oliva
vino bianco
parmigiano grattugiato
sale, pepe, zucchero

Mettete ad ammollare l'uvetta con del brandy.
Tagliate il radicchio a striscioline, lavatelo bene sotto l'acqua corrente e lasciatelo in ammollo in acqua fredda per 30 minuti, cambiando l'acqua ogni 10 minuti per togliere un po' d'amaro; quindi scolatelo senza asciugarlo troppo (l'acqua residua aiuterà la cottura).
Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritate finemente lo scalogno.
In un tegame mettete un pezzo di burro, quindi aggiungete lo scalogno e fate soffriggere per qualche minuto; aggiungete anche il radicchio scolato e le uvette, tenendo da parte il brandy che aggiungerete dopo qualche altro minuto. Quando sarà evaporato aggiungete la ricotta e le noci ed aggiustate di sale e pepe a piacimento. Se occorre, potete allungare con un po' di acqua di cottura per tenere la crema morbida.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele nel sugo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio al peperoncino con champignon, pancetta e ricotta

taglierini bio peperoncino_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici al peperoncino Val di Vara
300 g champignon freschi
200 g ricotta
200 g pancetta tesa
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
1 spicchio aglio (se piace)
1 scalogno
sale, pepe, prezzemolo

Accendete il forno a 200°C ed estraete la teglia.
Pulite gli champignon: rimuovete la terra e la parte finale del gambo, quindi staccate il resto del gambo dal cappello con un movimento rotatorio (eventualmente aiutatevi con un coltellino); poi, sempre con un coltellino, rimuovete la pellicola che ricopre il cappello. Passate i gambi e i cappelli rapidamente sotto l'acqua e asciugateli bene, quindi tagliateli a pezzi più o meno grossi, secondo la vostra preferenza. Disponeteli sulla teglia del forno ricoperta di carta forno inumidita, spolverate di sale e pepe, spennellateli con pochissimo olio e metteteli in forno caldo per circa 5 minuti.
Ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tritate la pancetta a dadini, il prezzemolo e lo scalogno molto finemente, e pulite lo spicchio d'aglio.
Mettete sul fuoco un largo tegame, scaldate un filo d'olio EVO, quindi aggiungete l'aglio, lo scalogno e la pancetta e lasciate soffriggere per alcuni minuti; nel frattempo lavorate la ricotta con il prezzemolo tritato fino ad ottenere una spuma liscia.
Aggiungete nel tegame i funghi estratti dal forno e la spuma di ricotta, e cuocete per 5 minuti, diluendo, se necessario, con qualche cucchiaio di acqua calda. Aggiustate di sale e pepe.
Tenete in caldo.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e versateli nel tegame con il sugo, mescolate molto delicatamente per alcuni minuti, quindi suddividete nei piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini al nero di seppia con calamari, piselli e pomodorini

taglierini nero seppia_150
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini al nero di seppia Val di Vara
300 g anelli di calamaro
200 g piselli
200 g pomodori ciliegini
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
1 piccola cipolla
1 spicchio aglio (se piace)
vino bianco secco
sale, pepe, rosmarino

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Scamiciate lo spicchio d'aglio, tritate la cipolla e tagliate i pomodorini in quattro spicchi.
In un tegame scaldate un po' di olio EVO con la cipolla e lo spicchio d'aglio; dopo qualche minuto togliete l'aglio e aggiungete gli anelli di totano ed i piselli. Rosolate bene, quindi bagnate con il vino bianco; aggiustate di sale e pepe, aggiungete i pomodorini, insaporite con il rosmarino e continuate la cottura a fuoco dolcissimo per pochi minuti. Tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel sugo, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini biologici all'ortica con prosciutto, fagiolini e caciocavallo affumicato

taglierini ortica_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici all'ortica Val di Vara
250 g prosciutto cotto in una sola fetta
200 g fagiolini già lessati
50 g caciocavallo affumicato
50 g ricotta
Olio extravergine d'oliva estratto a freddo di Levanto
1 scalogno
sale, pepe, timo fresco

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo tagliate a dadini il prosciutto, a pezzetti i fagiolini e tritate lo scalogno. Grattugiate il caciocavallo con una grattugia a fori grossi.
Scaldate un tegame con un po' d'olio, quindi aggiungete lo scalogno e soffriggete per qualche minuto; aggiungete anche il prosciutto e il timo e lasciate insaporire; da ultimo aggiungete i fagiolini, abbassate la fiamma al minimo e incorporate la ricotta, insieme a qualche cucchiaio di acqua di cottura, in modo che si formi una crema. Aggiustate di sale e pepe e tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel tegame, spolverate con il caciocavallo grattugiato, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle bio con cannellini, gamberi e lardo di Arnad

tagliatelle bio_small
Ingredienti per 4-6 porzioni:
500 g Tagliatelle biologiche Val di Vara
300 g code di gambero sgusciate e pulite
200 g fagioli cannellini precotti
50 g lardo di Arnad
vino bianco
1 scalogno
2 rametti rosmarino
sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo tritate finemente lo scalogno, il lardo di Arnad e il rosmarino (se preferite, lasciatelo interno per poterlo togliere).
Scaldate un tegame, quindi aggiungete il lardo, lo scalogno e il rosmarino. Fate rosolare per qualche minuto, poi versate i gamberetti e continuate la cottura per qualche altro minuto; sfumate con un goccio di vino bianco. Aggiungete i cannellini e aggiustate di sale e pepe. Tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele nel sugo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio integrali con speck, ricotta, spinaci novelli e noci

taglierini bio integrali
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici integrali Val di Vara
200 g speck
200 g ricotta
300 g spinaci novelli
100 g noci
1 scalogno
burro
parmigiano grattugiato
sale, pepe, noce moscata

Ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tritate lo scalogno, riducete lo speck a cubetti o striscioline e sminuzzate grossolanamente le noci nel mixer.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Nel frattempo, in un tegame, sciogliete un pezzo di burro, quindi unite lo scalogno, rosolate per qualche minuto, unite anche lo speck e cuocete per qualche altro minuto, infine unite gli spinaci ed una grattugiata di noce moscata; lasciate andare a fuoco lento aggiungendo, se necessario, qualche cucchiaio di acqua di cottura.
Versate la ricotta in una ciotola e lavoratela con un cucchiaio fino ad ottenere una crema spumosa.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel tegame, aggiungete la ricotta e le noci, aggiustate di sale e pepe, spolverate di parmigiano grattugiato, mescolate delicatamente per qualche minuto, poi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini al nero di seppia con branzino e lime

taglierini nero seppia_150
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini al nero di seppia Val di Vara
300 g filetti di branzino
2 lime
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
1 spicchio aglio
sale, pepe, prezzemolo

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Scamiciate lo spicchio d'aglio, tritate il prezzemolo, spremete un lime, grattugiate la parte verde della buccia del secondo, quindi pelatelo al vivo e ricavatene degli spicchi, poi tagliateli ancora trasversalmente per ottenere dei triangoli.
In un tegame scaldate un po' di olio EVO con lo spicchio d'aglio; dopo qualche minuto togliete l'aglio e aggiungete i filetti di branzino. Rosolate da entrambi i lati, quindi irrorate con il succo di lime; aggiustate di sale e pepe e continuate la cottura a fuoco dolcissimo per pochi minuti lasciando che i filetti si sfaldino. Tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel sugo, aggiungete i triangoli di lime ed il prezzemolo tritato, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite, decorando con la buccia di lime grattugiata.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio al peperoncino con gamberi e lenticchie

taglierini bio peperoncino_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici al peperoncino Val di Vara
250 g gamberi sgusciati
200 g lenticchie
50 g pancetta tesa
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
200 g passata di pomodoro
1 scalogno
sale, zucchero, rosmarino

Mettete a bagno le lenticchie secondo le indicazioni riportate sulla confezione, quindi lessatele per 15 minuti.
Quando le lenticchie saranno lessate, ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Nel frattempo, tritate la pancetta a dadini e lo scalogno molto finemente. Mettete sul fuoco un largo tegame, scaldate un filo d'olio EVO, quindi aggiungete lo scalogno e la pancetta e lasciate soffriggere per alcuni minuti; aggiungete un rametto di rosmarino e le lenticchie e lasciate insaporire, quindi aggiungete anche la passata di pomodoro e un pizzico di zucchero e cuocete per 10 minuti, aggiungendo, se necessario, qualche cucchiaio di acqua calda. Infine, aggiungete anche i gamberi, aggiustate di sale e cuocete per altri 5 minuti.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e versateli nel tegame con il sugo, mescolate molto delicatamente per alcuni minuti, quindi suddividete nei piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio al peperoncino con robiola, rucola e pomodorini

taglierini bio peperoncino_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici al peperoncino Val di Vara
200 g robiola
200 g rucola
200 g pomodori ciliegini
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
sale, pepe, zucchero

Ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Nel frattempo, tagliate i pomodorini in quattro spicchi e tritate grossolanamente la rucola.
In un tegame, scaldate un goccio di olio EVO, quindi, a fiamma molto bassa, unite la robiola e i pomodorini; aggiungete un pizzico di zucchero, salate e pepate.
Lasciate sciogliere la robiola a fiamma molto bassa, aggiungendo, se necessario, qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nella padella con il sugo, aggiungete la rucola, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.
Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle bio ai funghi porcini con feta e pancetta

tagliatelle porcini_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Tagliatelle biologiche ai funghi porcini Val di Vara
300 g pancetta in fette spesse
300 g feta
100 g funghi porcini freschi (o 50 g secchi)
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
1 cipolla
1 spicchio aglio
prezzemolo
vino rosso
formaggio grana in petali
sale, pepe

Pulite bene i funghi ed affettateli, se freschi, oppure ammollateli con qualche cucchiaio di acqua calda, se secchi.
Ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tagliate a dadini la pancetta e la feta, e tritate la cipolla, l'aglio e il prezzemolo.
In un tegame, scaldate un goccio d'olio EVO, quindi aggiungete la pancetta. Soffriggete brevemente, quindi unite la cipolla e l'aglio e, dopo qualche minuto, i funghi.
Dopo qualche altro minuto, sfumate con un po' di vino rosso, quindi terminate la cottura e tenete in caldo.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, aggiungetele alla padella con il sugo, aggiungete anche la feta a dadini ed il prezzemolo, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite, aggiungendo alcuni petali di grana su ogni piatto.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini biologici all'ortica con spuma di ricotta, bottarga e asparagi

taglierini ortica_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici all'ortica Val di Vara
250 g ricotta
200 g asparagi
3 cucchiai bottarga grattugiata
Olio extravergine d'oliva estratto a freddo di Levanto
burro
sale, pepe, timo fresco

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo lavate bene ed asciugate gli asparagi, quindi tagliate le teste per una lunghezza di 4-5 cm e il resto a rondelle non troppo spesse.
Scaldate un tegame con un po' di burro, quindi aggiungete gli asparagi e lasciate rosolare per qualche minuto; continuate la cottura a fuoco dolcissimo, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua, se necessario, per 10-12 minuti. Aggiustate di sale e pepe.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Mentre la pasta cuoce, in una zuppiera grande abbastanza da contenere anche la pasta, lavorate con una forchetta o una frusta la ricotta con dell'olio versato a filo, fino ad ottenere una spuma soffice. Incorporate quindi delicatamente la bottarga, sale, pepe e alcune foglioline di timo fresco.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nella zuppiera, aggiungete gli asparagi, tenendo da parte le punte, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti, guarnite con le punte tenute a parte e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle bio con alici e pesto di rucola

tagliatelle bio_small
Ingredienti per 4-6 porzioni:
500 g Tagliatelle biologiche Val di Vara
500 g filetti di alici
100 g rucola
50 g pinoli
50 g mandorle
2 cucchiai parmigiano grattugiato
olio EVO
vino bianco
1 spicchio aglio
sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo scaldate un tegame, quindi aggiungete un po' di olio EVO e lo spicchio d'aglio. Fate rosolare per qualche minuto, poi aggiungete i filetti di alici e continuate la cottura a fuoco dolce, eventualmente aggiungendo un goccio di vino bianco, finché si saranno trasformate in una crema. Rimuovete lo spicchio d'aglio e aggiustate di sale e pepe. Tenete in caldo.
Aggiungete nel frullatore la rucola, i pinoli, le mandorle, il parmigiano, sale, pepe e olio EVO e frullate fino ad ottenere una crema omogenea.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele nel sugo di alici e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi trasferite in una zuppiera, aggiungete il pesto di rucola, mescolate gentilmente, suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini al nero di seppia con asparagi, gamberi, salmone e mascarpone

taglierini nero seppia_150
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini al nero di seppia Val di Vara
200 g salmone fresco
200 g gamberi già sgusciati
250 g asparagi
250 g mascarpone
1 scalogno
burro
vino bianco secco
sale, pepe, timo

Pulite e lessate gli asparagi, quindi tagliateli a pezzi lunghi circa 3 cm. Tenete da parte alcune punte per guarnire.
Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritate lo scalogno e tagliate a dadini il salmone, dopo averlo privato della pelle e della lisca centrale.
In un tegame scaldate un po' di burro, quindi aggiungete lo scalogno; dopo qualche minuto aggiungete i gamberi, il salmone e gli asparagi, insaporite con il timo, quindi irrorate con il vino bianco e fate evaporare. Aggiustate di sale e pepe. Aggiungete anche il mascarpone e continuate la cottura a fuoco dolcissimo per pochi minuti. Tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel sugo, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti, decorate con le punte di asparago tenute da parte, e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio integrali con acciughe e pomodorini sott'olio

taglierini bio integrali
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici integrali Val di Vara
50 g alici sott'olio
100 g pomodorini sott'olio
100 g pane grattugiato
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
sale, pepe o peperoncino

Ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Scolate e tritate grossolanamente i pomodorini.
Nel frattempo, in un tegame, scaldate un filo d'olio EVO, quindi unite le alici e i pomodorini scolati e tritati grossolanamente, e continuate a fuoco dolcissimo, mescolando finché le alici si saranno sciolte. Tenete in caldo.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel tegame, riaccendete la fiamma, aggiungete il pane grattugiato, aggiustate di sale e pepe o peperoncino (attenzione perché le acciughe sono molto salate), mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini biologici all'ortica con bresaola, ricotta e rucola

taglierini ortica_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici all'ortica Val di Vara
100 g bresaola a fette
300 g ricotta
50 g rucola
1 scalogno
Olio extravergine d'oliva estratto a freddo di Levanto
parmigiano grattugiato
sale, pepe, curcuma

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo tritate finemente lo scalogno e la rucola, e tagliate a striscioline la bresaola.
Scaldate un tegame con qualche cucchiaio di olio EVO, quindi aggiungete lo scalogno tritato e lasciate rosolare per qualche minuto; aggiungete anche la ricotta e la curcuma e continuate la cottura a fuoco dolcissimo, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura, se necessario. Aggiustate di sale e pepe.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel sugo, aggiungete la rucola e la bresaola a striscioline e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti, spolverate di parmigiano grattugiato e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle bio ai funghi porcini con ragù di cinghiale

tagliatelle porcini_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Tagliatelle biologiche ai funghi porcini Val di Vara
500 g carne di cinghiale, già pulita a bocconcini
250 g passata di pomodoro
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
1 costa sedano
1 carota
1 cipolla
1 spicchio aglio
1 chiodo di garofano
noce moscata
bacche di ginepro
alloro
rosmarino
timo
vino rosso
formaggio grana grattugiato
sale, zucchero, pepe in grani

La sera precedente, in un contenitore aggiungete la polpa di cinghiale, cipolla, carota, sedano ed aglio puliti e tagliati a tocchi, il chiodo di garofano, noce moscata grattugiata, bacche di ginepro, alloro, rosmarino, timo e pepe in grani. Versate il vino rosso a coprire, quindi sigillate con pellicola trasparente e lasciate marinare in un luogo fresco per almeno 12 ore.
Il giorno successivo scolate la carne dalla macinatura e "asciugatela" in padella, cioè fatela saltare in una padella calda finché non avrà rilasciato tutta l'acqua, poi mettetela da parte. Scolate e asciugate le verdure e gli odori dalla marinatura, eliminate la foglia di alloro, tritate il tutto (scartando eventualmente gli odori che non volete aggiungere nel sugo) e soffriggete in una larga padella con olio EVO.
Dopo qualche minuto, aggiungete la carne, soffriggete brevemente, quindi sfumate con il vino rosso (meglio se non usate quello della marinatura), poi aggiungete la passata, un pizzico di zucchero e aggiustate di sale. Portate a cottura aggiungendo quando necessario un po' di acqua o di brodo vegetale (circa 2,5 ore). Il ragù sarà pronto quando i bocconcini di carne si disferanno se toccati con la forchetta.
Quando mancheranno circa 45 minuti alla cottura del cinghiale, ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, aggiungetele alla padella con il ragù, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite, offrendo il grana grattugiato a parte.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio al peperoncino con crema di pesce

taglierini bio peperoncino_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici al peperoncino Val di Vara
500 g filetti di merluzzo
250 g gamberi sgusciati
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
75 g burro
75 g farina
0,5 l latte tiepido
50 g ricotta salata grattugiata
1 carota
2 gambi di sedano
sale, pepe, prezzemolo

Preriscaldate il forno a 200°C. Pulite e tritate la carota ed il sedano, e fateli appassire in un tegame con un po' di olio EVO. Tagliate a dadini il merluzzo e tritate il prezzemolo.
In un tegame alto, sciogliete il burro, quindi incorporate la farina mescolando bene, fino ad ottenere una crema; aggiungete lentamente il latte tiepido mescolando continuamente e portate ad ebollizione, quindi riducete il calore e lasciate sobbollire per due minuti, sempre mescolando, finché la besciamella non si sarà addensata. Rimuovete dalla fiamma e aggiustate di sale e pepe.
In una teglia da forno, combinate le verdure, il merluzzo, i gamberi e la besciamella e infornate per 30 minuti.
Nel frattempo, ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, rimuovete la teglia dal forno, mescolate molto delicatamente i taglierini con il composto di pesce e besciamella, spolverate con il prezzemolo e la ricotta salata, aggiungete ancora un pizzico di sale e una macinata di pepe, quindi rimettete in forno per 15 minuti.
Portate in tavola la teglia e servite direttamente ai commensali la pasta fumante.
Successo assicurato!

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle di castagne con radicchio, noci e uvetta

tagliatelle castagne_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Tagliatelle di castagne Val di Vara
100 g noci sgusciate
200 g ricotta
1 piccolo cespo di radicchio
50 g uvetta
1 scalogno
burro
brandy
sale, pepe

Mettete ad ammollare l'uvetta con del brandy.
Tagliate il radicchio a striscioline, lavatelo bene sotto l'acqua corrente e lasciatelo in ammollo in acqua fredda per 30 minuti, cambiando l'acqua ogni 10 minuti per togliere un po' d'amaro; quindi scolatelo senza asciugarlo troppo (l'acqua residua aiuterà la cottura).
Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritate finemente lo scalogno.
In un tegame mettete un pezzo di burro, quindi aggiungete lo scalogno e fate soffriggere per qualche minuto; aggiungete anche il radicchio scolato e le uvette, tenendo da parte il brandy che aggiungerete dopo qualche altro minuto. Quando sarà evaporato aggiungete la ricotta e le noci ed aggiustate di sale e pepe a piacimento. Se occorre, potete allungare con un po' di acqua di cottura per tenere la crema morbida.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele nel sugo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio integrali con baccalà alla vicentina

taglierini bio integrali
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 kg Taglierini biologici integrali Val di Vara
1 kg stoccafisso secco
250 g cipolle
0,5 l olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
3 sarde sotto sale
0,5 l latte fresco
50 g formaggio grana grattugiato
farina bianca
sale, pepe, prezzemolo

Ammollate lo stoccafisso, già ben battuto, in acqua fredda, cambiandola ogni 4 ore, per 2-3 giorni.
Aprite il pesce per lungo, togliete la lisca e tutte le spine. Tagliatelo a pezzi.
Affettate finemente le cipolle; rosolatele in un tegamino con un bicchiere d’olio, aggiungete le sarde sotto sale, e tagliate a pezzetti; per ultimo, a fuoco spento, unite il prezzemolo tritato.
Infarinate i vari pezzi di stoccafisso, irrorati con il soffritto preparato, poi disponeteli uno accanto all’altro, in un tegame di cotto o alluminio oppure in una pirofila (sul cui fondo si sara’ versata, prima, qualche cucchiaiata di soffritto); ricoprite il pesce con il resto del soffritto, aggiungendo anche il latte, il grana grattugiato, il sale, il pepe.
Unite l’olio fino a ricoprire tutti i pezzi, livellandoli.
Cuocete a fuoco molto dolce per circa 4 ore e mezzo, muovendo ogni tanto il recipiente in senso rotatorio, senza mai mescolate.
Questa fase di cottura, in termine “vicentino” si chiama “pipare”.
Solamente l’esperienza saprà definire l’esatta cottura dello stoccafisso che, da esemplare ad esemplare, può differire di consistenza.
Quando mancheranno circa 45 minuti alla cottura del baccalà, ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel bacalà, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.
Il bacalà alla vicentina è ottimo anche dopo un riposo di 12/24 ore, per cui non preoccupatevi se avanza!

Baccalà secondo la ricetta della "Confraternita del Bacalà"
Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini al nero di seppia con polpa di granchio

taglierini nero seppia_150
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini al nero di seppia Val di Vara
300 g polpa di granchio
100 ml passata di pomodoro
100 ml panna
1 spicchio aglio
olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
vino bianco secco
peperoncino
sale, zucchero, prezzemolo

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritate grossolanamente la polpa di granchio.
In un tegame scaldate un po' di olio EVO, quindi aggiungete l'aglio (che potrete togliere dopo un paio di minuti, oppure, se vi piace un po' più forte, aggiungetelo spremuto); dopo qualche minuto aggiungete la polpa di granchio, rosolate due minuti, quindi irrorate con il vino bianco e fate evaporare. Aggiungete la passata di pomodoro, un pizzico di zucchero, il peperoncino secondo il vostro gusto, aggiustate di sale. Aggiungete anche la panna e continuate la cottura a fuoco dolcissimo.
Tritate il prezzemolo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel sugo, aggiungete il prezzemolo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle bio con carciofi e pancetta

tagliatelle bio_small
Ingredienti per 4-6 porzioni:
500 g Tagliatelle biologiche Val di Vara
200 g pancetta
6 carciofi
1 scalogno
vino bianco
100 g provolone saporito
succo di limone
sale, pepe, prezzemolo

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo tagliate a dadini la pancetta e tritate lo scalogno.
Eliminate le foglie esterne più dure dei carciofi e tagliateli a metà nel senso della lunghezza; eliminate la parte filamentosa che si trova al centro. Tagliateli a bastoncino e metteteli a bagno un acqua acidulata con succo di limone per evitare che anneriscano.
Scaldate un tegame, quindi aggiungete lo scalogno tritato e la pancetta a dadini. Fate rosolare in modo che la pancetta diventi croccante e rilasci il suo grasso, poi aggiungete i carciofi scolati e continuate la cottura per 3-4 minuti, quindi sfumate con il vino bianco. Aggiustate di sale e pepe (attenzione che la pancetta è molto saporita) e portate a cottura a fuoco dolce.
Usando una grattugia con buchi grossi, grattugiate grossolanamente il provolone.
Tritate finemente il prezzemolo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele nel sugo, aggiungete il provolone e il prezzemolo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle di castagne con ricotta e cotechino

tagliatelle castagne_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Tagliatelle di castagne Val di Vara
250 g cotechino cotto (anche precotto)
200 g ricotta
1 scalogno
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
vino bianco
parmigiano grattugiato
sale, pepe, timo

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Mentre l'acqua bolle, tritate lo scalogno, quindi, in un tegame, scaldate qualche cucchiaio di olio EVO, aggiungete lo scalogno tritato e lasciate rosolare per un paio di minuti.
Aggiungete il cotechino sbriciolato e lasciate cuocere per qualche minuto, quindi bagnate con il vino bianco e fate evaporare. Aggiungete la ricotta ed incorporatela nel sugo mescolando delicatamente.
Se occorre, potete allungare con un filo di acqua di cottura per tenere la crema morbida. Lasciate cuocere qualche minuto a fiamma dolce, aggiustate di sale e pepe, aggiungete qualche fogliolina di timo, quindi tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele nel sugo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti, spolverate di parmigiano grattugiato e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini biologici all'ortica con pancetta e robiola

taglierini ortica_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici all'ortica Val di Vara
200 g pancetta
200 g robiola
scorza di 1/2 limone
sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo tagliate a dadini la pancetta.
Scaldate un tegame, quindi aggiungete la pancetta a dadini. Fate rosolare in modo che la pancetta diventi croccante e rilasci il suo grasso, poi aggiungete la robiola e continuate la cottura a fuoco dolcissimo, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura, se necessario. Aggiustate di sale e pepe (attenzione che la pancetta è molto saporita).
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel sugo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti, grattugiate su ognuno un po' di scorza di limone e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini freschi all'ortica con prosciutto di Praga e gorgonzola

taglierini ortica_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 kg Taglierini freschi all'ortica Val di Vara
200 g prosciutto di Praga un una sola fetta
200 g gorgonzola
200 g panna da cucina
1 scalogno
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
parmigiano grattugiato
sale, erba cipollina

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritare lo scalogno e tagliate il prosciutto di Praga ed il gorgonzola a dadini.
In una capace padella, fate scaldare dell'olio EVO. Aggiungete lo scalogno quindi, dopo alcuni minuti, il prosciutto tagliato a dadini; dopo aver rosolato per qualche altro minuto, aggiungete la panna e, appena sarà calda, il gorgonzola. Fate scaldare, a fiamma molto dolce, aggiungendo, se necessario, una goccia di latte fino ad ottenere una crema.
Aggiustate di sale e aggiungete l'erba cipollina. Tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e versateli nella padella; mescolate delicatamente per un paio di minuti quindi distribuite nei piatti dei commensali; aggiungete una spolverata di parmigiano grattugiato e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini al nero di seppia con ragù di aragosta

taglierini nero seppia_150
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini al nero di seppia Val di Vara
500 g polpa di aragosta
300 g pomodori ciliegini
1 cipolla
1 spicchio aglio
olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
vino bianco secco
sale, pepe, zucchero, prezzemolo

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritate finemente la cipolla, tagliate a metà i pomodorini e a dadini la polpa di aragosta.
In un tegame scaldate un po' di olio EVO, quindi aggiungete l'aglio (che potrete togliere dopo un paio di minuti, oppure, se vi piace un po' più forte, aggiungetelo spremuto) e la cipolla; dopo un paio di minuti aggiungete i pomodorini, spolverate con un pizzico di zucchero e cuocete per una decina di minuti, aggiungendo, se necessario, un po' d'acqua. Aggiungete anche la polpa di aragosta, rosolate un paio di minuti, quindi irrorate con il vino bianco e fate evaporare, aggiustate di sale e pepe e continuate la cottura a fuoco dolcissimo.
Tritate il prezzemolo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel sugo, aggiungete il prezzemolo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini biologici al peperoncino con sugo di pesce

taglierini bio peperoncino_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici al peperoncino Val di Vara
300 g filetto di rana pescatrice
300 g calamari puliti
300 g gamberi sgusciati
1 spicchio aglio
olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
vino bianco secco
sale, prezzemolo

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo lavate, asciugate e tagliate a dadini tutto il pesce, i calamari ed i gamberi.
In un tegame scaldate un po' di olio EVO, quindi aggiungete l'aglio, come lo preferite (in camicia da togliere, tritato, spremuto...); dopo un paio di minuti aggiungete i dadini di pesce e rosolate a fuoco vivo per 3-4 minuti, mescolando con attenzione. Irrorate con il vino bianco, quindi continuate la cottura a fuoco dolcissimo.
Tritate il prezzemolo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel sugo, aggiungete il prezzemolo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle di castagne con radicchio, brie e mandole

tagliatelle castagne_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Tagliatelle di castagne Val di Vara
300 g formaggio brie
300 g mandorle a lamelle
1 piccolo cespo di radicchio
latte
cipolla
burro
brandy
sale, pepe, dragoncello

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo, tagliate il radicchio a striscioline, lavatelo bene sotto l'acqua corrente e asciugatelo. Tritate finemente la cipolla e riducete il brie a cubetti, dopo aver eliminato la crosta bianca.
In un tegame mettete un pezzo di burro, quindi aggiungete la cipolla e fate soffriggere per qualche minuto; aggiungete il radicchio e, dopo qualche altro minuto, bagnate con un goccio di brandy. Quando sarà evaporato aggiungete il brie e, mentre il formaggio fonde insaporite con il dragoncello, un pizzico di sale e pepe a piacimento. Se occorre, potete allungare con un filo di latte per tenere la crema morbida.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele nel sugo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle verdi con salsiccia e gorgonzola

tagliatelle verdi 200
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 kg Tagliatelle verdi fresche Val di Vara
400 g luganega
200 g gorgonzola dolce
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
1/2 cipolla
sale, pepe nero

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo lavate, asciugate bene e tritate finemente la cipolla. Spellate la luganega, quindi sgranatela in una scodellina con una goccia d'olio EVO, aiutandovi con una forchetta.
Mettete sul fuoco un tegame con un po' d'olio EVO, quindi aggiungete la cipolla e rosolate finché non diventa trasparente. Aggiungete la luganega sgranata e lasciate cuocere a fuoco lento per qualche minuto.
Quando la luganega sarà ben rosolata, aggiungete il gorgonzola a pezzi e lasciate sciogliere a fiamma molto bassa, bagnando con un po' di acqua di cottura se necessario.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate le tagliatelle.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele e versatele nella padella con il sugo; mescolate accuratamente per un paio di minuti quindi spolverate con pepe nero macinato fresco, distribuite nei piatti dei commensali e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini freschi all'ortica con ragù di calamari

taglierini ortica_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 kg Taglierini freschi all'ortica Val di Vara
400 g calamari puliti
200 g pomodori datterini
1 spicchio aglio
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
vino bianco
50 g pane grattugiato
prezzemolo
sale, peperoncino

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo lavate e asciugate bene i calamari ed i pomodori, quindi tagliate tutto a dadini.
In un tegame soffriggete per qualche minuto un po' d'olio EVO con lo spicchio d'aglio schiacciato, quindi levate l'aglio. Aggiungete i calamari ed i pomodori, lasciate per un paio di minuti, quindi sfumate con il vino bianco. Salate, insaporite con il peperoncino secondo il vostro gusto, e cuocete per pochi minuti.
In un altro tegame, scaldate un filo d'olio, aggiungete il pane grattugiato, e fate tostare finché sarà croccante.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini.
Mentre la pasta cuoce, tritate il prezzemolo.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e versateli nella padella con il sugo di calamari; mescolate accuratamente per un paio di minuti quindi spolverate con il pane croccante ed il prezzemolo tritato, distribuite nei piatti dei commensali e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Paglia e fieno alla norcina

tagliatelle bio_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Tagliatelle fresche all’uovo Val di Vara
500 g Tagliatelle verdi Val di Vara
200 g salsiccia fresca (idealmente di Norcia)
125 ml panna da cucina
1 scalogno
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
vino bianco
parmigiano grattugiato
Timo, sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo, spellate e sbriciolate le salsicce.
Tritate lo scalogno; in un capace tegame, scaldate dell'olio EVO, quindi aggiungete lo scalogno tritato e lasciare rosolare per un paio di minuti.
Aggiungete la salsiccia, fate rosolare ancora per un paio di minuti e sfumate con il vino bianco. Continuate la cottura a fuoco lento.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Mentre le tagliatelle cuociono, aggiungete al sugo la panna. Salate, pepate e aggiungete un rametto di timo.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele e versatele nella padella, spolverate con parmigiano grattugiato, mescolate delicatamente per un paio di minuti e servite in una zuppiera o nei singoli piatti.


Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini freschi con pasta di salame e mascarpone

taglierini uovo_lr
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 Kg Taglierini freschi all’uovo Val di Vara
400 g pasta di salame
200 g mascarpone
1 scalogno
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
vino bianco
timo fresco, sale, pepe, parmigiano grattugiato

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo tritate finemente lo scalogno; in un capace tegame scaldate dell'olio EVO, quindi aggiungete lo scalogno tritato e fate rosolare per un paio di minuti. Aggiungete la pasta di salame e le foglioline di timo fresco e, dopo altri due minuti, sfumate con un po' di vino bianco. Quando il vino sarà evaporato, aggiungete il mascarpone e lasciate cuocere a fuoco molto dolce. Regolate di sale e pepe.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e versateli nel tegame, mescolate delicatamente per un paio di minuti e servite in una zuppiera o nei singoli piatti.
A piacere, potete spolverare, dopo aver suddiviso nei piatti, con una spolverata di parmigiano grattugiato.


Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini al nero di seppia con gamberi e fiori di zucca

taglierini nero seppia_150
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini al nero di seppia
400 g code di gamberi
24 fiori di zucca o di zucchina
30 g pinoli
1 scalogno
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua. Nel frattempo, pulite i fiori di zucca: tagliate il gambo ed il calice verde ed eliminate i pistilli; apriteli e lavateli delicatamente sotto l'acqua corrente, quindi asciugateli con carta da cucina. Tritate lo scalogno, quindi, in un tegame, scaldate qualche cucchiaio di olio EVO, aggiungete lo scalogno tritato e lasciate rosolare per un paio di minuti. Aggiungete i fiori di zucca, dividendoli in petali con le mani. Dopo qualche minuto di cottura, trasferite i fiori di zucca con lo scalogno in un mortaio, aggiungete i pinoli, qualche cucchiaio d'olio, un po' di sale grosso e pepe, e pestate fino ad ottenere una crema tipo pesto (potete farlo anche nel frullatore). Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini. Ponete nel tegame i gamberi e lasciate cuocere per qualche minuto, aggiustando di sale e pepe. Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e versateli nella padella con i gamberi; unite la crema di fiori di zucca, mescolate accuratamente per un paio di minuti quindi distribuite nei piatti dei commensali e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle verdi con vongole, pomodorini e fagiolini

tagliatelle verdi 200
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 Kg Tagliatelle verdi fresche
1 Kg vongole in conchiglia
400 g pomodori ciliegini
200 g fagiolini puliti
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
timo, buccia di limone da grattugiare sale, pepe

Lavate le vongole e mettetele a bagno in acqua e sale per almeno 1 ora. Quindi mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua. Nel frattempo disponete le vongole in un capace tegame e fatele aprire a fuoco vivo per 5 minuti a tegame coperto. Eliminate le conchiglie tenendone qualcuna per guarnire, tenete a parte i molluschi e filtrate il liquido di cottura. Pulite i fagiolini, tagliateli a pezzetti e tagliate i pomodorini a metà Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i fagiolini; dopo un paio di minuti, aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele insieme ai fagiolini e versatele nel tegame in cui avevate fatto aprire le vongole, assicurandovi che non ci sia sabbia; aggiungete le vongole ed il liquido di cottura filtrato, aggiustate di sale e pepe e insaporite con alcune foglioline di timo. Infine, dopo un paio di minuti, aggiungete i pomodorini tagliati a metà e la buccia di limone grattugiata e servite in una zuppiera o nei singoli piatti. Si può gustare anche tiepida.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini freschi con crema di melanzane, pomodorini confit e ricotta salata

taglierini uovo_lr
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 Kg Taglierini freschi all’uovo Val di Vara
400 g pomodori ciliegini
1 melanzana grande
50 g ricotta salata
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
zucchero
timo, origano, mentuccia
sale, pepe

Scaldate il forno a 180° (statico) o 140°C (ventilato).
Lavate i pomodorini e asciugateli bene. Tagliateli a meta e disponeteli sulla teglia del forno ricoperta di carta forno, con la parte tagliata rivolta verso l'alto. Salate, pepate, spolverate con poco zucchero, aggiungete timo, origano e un filo d'olio EVO. Infornate e lasciate cuocere per circa 90 minuti. Lavate la melanzana, eliminate le estremità e tagliatela a metà nel senso della lunghezza. Ungetela con un filo d'olio EVO. Infornate e lasciate cuocere per circa 60 minuti. Quando i pomodorini e la melanzana saranno pronti, mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua. Nel frattempo con un cucchiaio estraete la polpa della melanzana e mettetela in un frullatore con qualche fogliolina di mentuccia e in filo d'olio EVO; frullate fino ad ottenere un composto cremoso, eventualmente aggiungendo qualche cucchiaio d'acqua. Regolate di sale e pepe. Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Mentre i taglierini cuociono, scaldate la crema di melanzane in un largo tegame e grattugiate la ricotta salata.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e versateli nella padella, aggiungete i pomodorini confit, spolverate con la ricotta salata grattugiata, mescolate delicatamente per un paio di minuti e servite in una zuppiera o nei singoli piatti.
Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle fresche con fave e salmone

tagliatelle bio_small
Ingredienti per 4-6 porzioni:
1 Kg Tagliatelle fresche all’uovo Val di Vara
1 Kg fave fresche (circa 300 g di fave sgranate)
400 g salmone a fette
100 ml panna da cucina
1 scalogno Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
vino bianco
pane grattugiato
timo, sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua. Nel frattempo, togliete le fave dal baccello e con un coltellino privatele della parte superiore. Tuffatele per 2 minuti in acqua bollente salata, quindi scolatele e trasferitele in acqua fredda. Schiacciate il tegumento per fare uscire le fave. Tritate lo scalogno; in un capace tegame, scaldate dell'olio EVO, quindi aggiungete lo scalogno tritato e lasciare rosolare per un paio di minuti. Togliete la pelle e la lisca centrale al salmone, quindi aggiungetelo nel tegame; dopo 1 minuto, girate il salmone e aggiungete un goccio di vino bianco - il salmone, man mano che cuoce, tende a sfaldarsi: aiutatelo con un cucchiaio di legno in modo che si amalgami bene con le fave. Salate, pepate e aggiungete un rametto di timo. Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Mentre le tagliatelle cuociono, aggiungete al sugo la panna.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele e versatele nella padella, spolverate con pane grattugiato, mescolate delicatamente per un paio di minuti e servite in una zuppiera o nei singoli piatti.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini freschi all'ortica con burro e salvia

taglierini ortica_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 kg Taglierini freschi all'ortica Val di Vara
100 g burro
1 mazzetto foglie di salvia
parmigiano grattugiato
sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua. Nel frattempo lavate e asciugate bene le foglie di salvia.
In un tegame, fate sciogliere il burro a fuoco lento insieme alla salvia, in modo che si insaporisca bene. Salate e pepate. Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini.
Quando saranno al dente, scolateli e versateli nella padella con il burro e la salvia e mescolate accuratamente per un paio di minuti quindi distribuitele nei piatti dei commensali e servite. A piacere, aggiungete una spolverata di parmigiano.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini freschi all’ortica con polipetti affogati

taglierini ortica_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 kg Taglierini freschi all'ortica Val di Vara
800 g polipetti
500 g passata di pomodoro
1 spicchio d'aglio (se piace)
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
prezzemolo tritato
sale, pepe, peperoncino, zucchero

Pulite i polipetti, eliminate occhi e becco, lavateli bene e metteteli in un tegame; aggiungete la passata, alcuni cucchiai d'olio, l'aglio, sale, pepe, zucchero e peperoncino. Chiudete il tegame con il coperchio, e cuocete a fuoco basso per 30 minuti, senza mai aprire il tegame, ma agitandolo di tanto in tanto. Aggiungete quindi il prezzemolo tritato e lasciate cuocere ancora 15 minuti, sempre con il coperchio. Nel frattempo mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini.
Quando saranno al dente, scolateli e distribuiteli nei piatti, aggiungete una porzione abbondante del sugo in cui sono cotti i polipetti e servite molto caldi. Utilizzate i polipetti come gustosissimo secondo. In alternativa, aggiungete anche i polipetti ai taglierini e servite il tutto come piatto unico... non si lamenterà nessuno :-)

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini al nero di seppia con olive, capperi e acciughe

Un sugo semplice ma saporito, un gusto di pesce che conquista!
Taglierini al nero di seppia
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini al nero di seppia Val di Vara
200 g pomodori
4 acciughe sott'olio
Olive taggiasche in salamoia
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
Capperi sotto sale
sale, pepe, origano, zucchero

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua. Nel frattempo tagliate i pomodori a cubetti. Nel mixer, aggiungete i pomodori, le acciughe, i capperi sotto sale (se non li dissalate evitate di aggiungere altro sale), un pizzico di zucchero e un po' di origano. Tritate il tutto fino ad ottenere una salsa morbida e liscia. In un largo tegame fate scaldare l'olio EVO, quindi aggiungete la salsa preparata e le olive taggiasche. Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e versateli nel tegame. Insaporite mescolando gentilmente per un paio di minuti, quindi versate in una zuppiera o distribuite direttamente nei piatti dei commensali e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Taglierini bio integrali con tonno, mais e fagiolini

taglierini bio integrali
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici integrali Val di Vara
  • 160 g tonno sott’olio
  • 200 g chicchi di mais precotti
  • 200 g fagiolini puliti
  • 1 scalogno
  • Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
  • pasta d’acciughe
  • timo
  • sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua. Tagliate a pezzetti i fagiolini. Quando l’acqua bolle, salatela e lessate i fagiolini. Nel frattempo, tagliate lo scalogno a fettine sottili; in un tegame fate scaldare l'olio EVO, quindi aggiungete lo scalogno e fatelo imbiondire. Aggiungete la pasta d’acciughe, il tonno scolato e il mais e lasciate insaporire. Quando i fagiolini saranno pronti, scolateli tenendo l'acqua di cottura ed aggiungeteli nel tegame. Quindi tuffate i taglierini nell'acqua dove avete lessato i fagiolini. Mentre i taglierini cuociono, fate amalgamare bene il sugo e, se necessario, aggiungete un po' di acqua di cottura per ottenere un sugo morbido. Insaporite con sale, pepe e timo. Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e versateli nella padella con il sugo; mescolate accuratamente per un paio di minuti quindi versate in una zuppiera o distribuite direttamente nei piatti dei commensali e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Taglierini freschi all’ortica con ragù di agnello e carciofi

taglierini ortica
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 kg Taglierini freschi all'ortica Val di Vara
400 g polpa di agnello
4 carciofi puliti e tagliati a spicchi in acqua acidulata con limone
1 spicchio d'aglio (se piace - in alternativa un trito di cipolla, carota e sedano)
1/2 bicchiere di vino bianco
brodo vegetale
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
spezie: rosmarino, timo, mentuccia, coriandolo
pecorino grattugiato
sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua. Nel frattempo, tagliate la polpa d'agnello a cubetti molto piccoli; in un tegame fate scaldare l'olio EVO, quindi aggiungete lo spicchio d'aglio (o, se preferite, il trito di verdure) e fatelo imbiondire. Aggiungete la polpa tritata, fate rosolare per qualche minuto e bagnate con il vino bianco.
Quando il vino sarà evaporato, aggiungete i carciofi scolati e tagliati a julienne, salate, pepate, aromatizzate con le spezie e bagnate con poco brodo. Lasciate cuocere per 15-20 minuti, aggiungendo ancora brodo se necessario.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini.
Quando saranno al dente, scolateli e versateli nella padella con il sugo; aggiungete il pecorino e mescolate accuratamente per un paio di minuti quindi distribuitele nei piatti dei commensali e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle di castagne con il Bettelmatt

tagliatelle castagne
Ingredienti (per 4-6 persone):
  • 1 kg Tagliatelle fresche di castagne Val di Vara
  • 300 g formaggio Bettelmatt
  • farina
  • latte
  • noce moscata
  • burro
  • sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo, tagliate il formaggio a cubetti e passateli nella farina (così si addensano meglio una volta cotti); in un tegame mettete poco latte e fatelo intiepidire, aggiungete i cubetti di formaggio e girate continuamente fino ad ottenere una crema densa e liscia (se necessario aggiungete ancora un po' di latte per evitare che si addensi troppo).
Mentre il formaggio fonde insaporite con noce moscata in polvere e pepe a piacimento. Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele in una zuppiera e conditele con poco burro; quindi distribuitele nei piatti e versate la crema di formaggio sopra ogni porzione.

Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Taglierini bio all’ortica con gli involtini di carne

taglierini ortica
Ingredienti (per 4-6 persone):
  • 500 g Taglierini biologici all'ortica Val di Vara
  • 8/12 fettine di carne di manzo non troppo spesse (grandi circa come una mano)
  • 8/12 fettine di lardo
  • 600 g pomodori pelati o passata di pomodoro o pomodori freschi
  • 100 g pecorino grattugiato
  • prezzemolo tritato
  • alcuni spicchi d’aglio tritati finemente ed alcuni interi
  • Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
  • vino bianco
  • basilico
  • sale, pepe

Guarnire l’interno degli involtini con sale e pepe, stenderci le fettine di lardo, aggiungere prezzemolo ed alcuni pezzettini di aglio e spolverare con pecorino.
Arrotolare le fettine e fermarle con gli stuzzicadenti, cercando di non farli sporgere altrimenti è difficoltoso girarli.
In una padella larga scaldare un filo d’olio ed alcuni spicchi di aglio (da togliere quando saranno imbionditi), quindi aggiungere gli involtini. Rosolare a fiamma vivace e girarli per alcuni minuti; quando saranno ben rosolati da tutti i lati, aggiungere una spruzzata di vino bianco e fare evaporare.
Aggiungere il pomodoro, salare e versare mezzo bicchiere di acqua (se il pomodoro è fresco, meno). Coprire, abbassare il fuoco e continuare la cottura per circa un’ora, o finché la carne non è tenera, aggiungendo, se necessario, ancora un po’ di acqua.
A fine cottura spegnere la fiamma ed aggiungere le foglie di basilico.
Quando gli involtini sono quasi cotti mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e distribuiteli nei piatti, aggiungete una porzione abbondante di sugo, spolverate di pecorino e servite. Il pane per la scarpetta è obbligatorio!
Utilizzate gli involtini come secondo, servendoli con un accompagnamento di verdure a piacere.

Alternativamente, condite i taglierini con il sugo ed una paio di involtini e servite come piatto unico.

Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Tagliatelle fresche con ragù di carne alla genovese “U Tuccu”

tagliatelle bio
Ingredienti (per 4-6 persone):
  • 1 Kg Tagliatelle fresche all’uovo Val di Vara
  • 2x150 g U Tuccu - ragu di carne alla genovese Val di Vara

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Mentre le tagliatelle cuociono, scaldate a fuoco dolce il ragù in una padella larga abbastanza da accomodare anche le tagliatelle.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele e versatelo nella padella, spolverate di grana grattugiato, mescolate delicatamente per un paio di minuti e servite in una zuppiera o nei singoli piatti.

Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Taglierini freschi con le polpettine

taglierini uovo_lr
Ingredienti (per 4-6 persone):
  • 1 Kg Taglierini freschi all’uovo Val di Vara
  • 600 g carne macinata
  • 1 scalogno
  • Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
  • 400 g passata di pomodoro
  • 100 g formaggio grattugiato
  • erba cipollina
  • pane grattugiato
  • sale, pepe, vino bianco, zucchero

Mettete in un contenitore la carne macinata, il formaggio grattugiato (tranne una manciatina che userete alla fine), un po’ di erba cipollina, sale e pepe.
Mescolate bene il tutto, quindi preparate delle palline della grandezza di un po’ meno di una noce, rotolandole tra i palmi delle mani. Passatele nel pane grattugiato e tenetele a parte.
Tritate uno scalogno e mettetelo in una capace padella con un filo di olio EVO. Fatelo appassire, quindi aggiungete le polpettine e fatele girare per qualche minuto. Quando avranno preso colore, spruzzate con il vino bianco, fatelo evaporare, quindi portate a cottura aggiungendo, se necessario, un po’ di brodo o di acqua.
Mentre le polpettine cuociono, mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini.
Non appena le polpettine sono cotte (circa 15 minuti) trasferitele temporaneamente in un piatto, e aggiungete nella padella la passata di pomodoro. Insaporite con un pizzico di zucchero, sale pepe e erba cipollina e lasciate cuocere dolcemente.
Cuocete i taglierini per 2 minuti meno di quanto indicato sulla confezione, quindi scolateli e versateli nella padella con il pomodoro; aggiungete polpettine e fate insaporire per 2 minuti.
Versate direttamente nei piatti dei commensali, aggiungete una spolverata di formaggio grattugiato e servite.

Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Taglierini al nero di seppia con panna e salmone

taglierini nero seppia
Ingredienti (per 4-6 persone):
  • 500 g Taglierini al nero di seppia Val di Vara
  • 200 g salmone affumicato
  • 200 ml panna da cucina
  • burro
  • sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini.
Mentre i taglierini cuociono, ponete sul fuoco una larga padella con un pezzetto di burro e, quando sarà sciolto, aggiungete la panna, salate poco e pepate, e scaldate a fuoco molto basso.
Nel frattempo tagliate il salmone affumicato a piccoli pezzi.
Cuocete i taglierini per 2 minuti meno di quanto indicato sulla confezione, quindi scolateli e versateli nella padella con la panna; aggiungete il salmone e, se necessario, un goccio di latte, e fate insaporire per 2 minuti.
Versate in una zuppiera o direttamente nei piatti dei commensali e servite.

Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Tagliatelle bio ai funghi porcini con salsiccia e carote

tagliatelle porcini
Ingredienti (per 4-6 persone):
  • 500 g Tagliatelle biologiche ai funghi porcini Val di Vara
  • 200 g salsiccia
  • 4-5 carote medie
  • 1 scalogno
  • Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
  • sale, pepe, vino bianco, spezie

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate le tagliatelle.
Nel frattempo, pulite e tritate lo scalogno.
Mondate le carote e tagliatele a bastoncini sottili.
Sgranate la salsiccia: per farlo più facilmente, spellatela e mettetela in una ciotola con un goccio d’olio, quindi massaggiatela con una forchetta.
In una capace padella, versate un poco d’olio, quindi aggiungete lo scalogno tritato e fate appassire. Poi aggiungete le carote e la salsiccia, fate insaporire, quindi sfumate con un goccio di vino bianco. Salate, pepate e portate a cottura il sugo, aggiungendo, se necessario, un mestolino d’acqua di cottura della pasta. Insaporite con le vostre spezie preferite: provate maggiorana ed una punta di coriandolo!
Quando le tagliatelle sono al dente, scolatele e versatele nella padella con il condimento; fatele saltare per un paio di minuti, mescolando delicatamente, quindi distribuitele direttamente nei piatti completando, se vi piace, con una spolverata di parmigiano grattugiato.

Buon appetito!
Print Friendly and PDF