Trofie di farina di castagne in brodo con pollo

trofie_lr_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
250 g Trofie di farina di castagne Val di Vara
250 g petto di pollo
100 g pancetta (dolce o affumicata, come preferite) un una sola fetta
200 g mais
1,5 l brodo vegetale o di carne
1 grossa patata
1 cipolla media
1 grossa carota
1 gambo di sedano
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
vino bianco
prezzemolo
formaggio grattugiato
sale, pepe, coriandolo

Tritate la cipolla e tagliate a dadini piccoli la carota, il sedano, la pancetta, la patata e il petto di pollo.
In un tegame a bordi alti scaldate un goccio d'olio, quindi unite la cipolla tritata, la carota, il sedano e la pancetta a dadini e fate imbiondire per qualche minuto.
Aggiungete il pollo, salate, pepate e rosolate per un paio di minuti, quindi bagnate con il vino bianco e lasciate evaporare.
Quando il vino sarà evaporato, aggiungete il brodo, meglio se caldo e portate ad ebollizione, quindi aggiungete anche la patata, il mais e le trofie; aggiustate di sale e pepe ed aggiungete una macinata di coriandolo.
Tritate il prezzemolo.
Quando le trofie saranno al dente, aggiungete il prezzemolo tritato e lasciate ancora un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti, spolverate di formaggio grattugiato e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio integrali con baccalà alla vicentina

taglierini bio integrali
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 kg Taglierini biologici integrali Val di Vara
1 kg stoccafisso secco
250 g cipolle
0,5 l olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
3 sarde sotto sale
0,5 l latte fresco
50 g formaggio grana grattugiato
farina bianca
sale, pepe, prezzemolo

Ammollate lo stoccafisso, già ben battuto, in acqua fredda, cambiandola ogni 4 ore, per 2-3 giorni.
Aprite il pesce per lungo, togliete la lisca e tutte le spine. Tagliatelo a pezzi.
Affettate finemente le cipolle; rosolatele in un tegamino con un bicchiere d’olio, aggiungete le sarde sotto sale, e tagliate a pezzetti; per ultimo, a fuoco spento, unite il prezzemolo tritato.
Infarinate i vari pezzi di stoccafisso, irrorati con il soffritto preparato, poi disponeteli uno accanto all’altro, in un tegame di cotto o alluminio oppure in una pirofila (sul cui fondo si sara’ versata, prima, qualche cucchiaiata di soffritto); ricoprite il pesce con il resto del soffritto, aggiungendo anche il latte, il grana grattugiato, il sale, il pepe.
Unite l’olio fino a ricoprire tutti i pezzi, livellandoli.
Cuocete a fuoco molto dolce per circa 4 ore e mezzo, muovendo ogni tanto il recipiente in senso rotatorio, senza mai mescolate.
Questa fase di cottura, in termine “vicentino” si chiama “pipare”.
Solamente l’esperienza saprà definire l’esatta cottura dello stoccafisso che, da esemplare ad esemplare, può differire di consistenza.
Quando mancheranno circa 45 minuti alla cottura del baccalà, ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel bacalà, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.
Il bacalà alla vicentina è ottimo anche dopo un riposo di 12/24 ore, per cui non preoccupatevi se avanza!

Baccalà secondo la ricetta della "Confraternita del Bacalà"
Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Insalata di trofie di farina di castagne con pancetta e zucchine in carpione

trofie_lr_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
250 g Trofie di farina di castagne Val di Vara
300 g pancetta (dolce o affumicata, come preferite) in una sola fetta
2 zucchine
1 grossa cipolla
1 spicchio aglio
200 ml aceto bianco di vino
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
100 ml vino bianco secco
3 foglie salvia
3 foglie alloro
sale, pepe

Tritate la cipolla e scamiciate e tritate l'aglio.
In un tegame scaldate un goccio d'olio, quindi unite la cipolla tritata e fate imbiondire per qualche minuto.
Aggiungete l'aglio, l'alloro e la salvia, salate, pepate e rosolate per un paio di minuti, quindi aggiungete anche l'aceto, il vino bianco e un bicchiere d'acqua.
Lasciate sobbollire per 30 minuti circa, a fuoco dolcissimo.
Nel frattempo lavate le zucchine, eliminate le estremità e tagliatele a fettine sottili in diagonale, in modo da ottenere delle fette ovali. Friggetele poco per volta e lasciatele scolare dall'olio su carta assorbente. Disponetele in una pirofila a strati ed irrorate ogni strato con la salsa calda. Lasciate raffreddare, quindi passate in frigorifero per almeno 2-3 ore.
Passato questo tempo, mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Nel frattempo tagliate la pancetta a dadini e fatela soffriggere a fuoco dolce in un tegame, finché sarà croccante, quindi scolatela dal grasso che avrà lasciato e fatela scolare su carta assorbente.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete le trofie.
Quando le trofie saranno al dente, scolatele e raffreddatele sotto l'acqua corrente, quindi versatele nella zuppiera; aggiungete la pancetta, le zucchine scolate dal carpione e un giro di olio EVO, mescolate delicatamente e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Rigatoni con ciauscolo e cipolla

Beh, non si può dire che sia un piatto delicato, ma vuoi mettere il sapore?
Ingredienti (per 4-6 persone):
Rigatoni
500 g rigatoni
250 g ciauscolo
2 grosse cipolle bianche
burro
100 g ricotta salata grattugiata
2-3 foglie alloro
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Pulite, lavate e affettate finemente le cipolle. Sbriciolate il ciauscolo..
In un tegame fondete un pezzo di burro e, appena caldo, aggiungete le cipolle e soffriggete per qualche minuto. Aggiungete l'alloro e continuate la cottura delle cipolle aggiungendo man mano che serve un po' di acqua di cottura della pasta, finché le cipolle saranno ben cotte.
Quando l’acqua bolle, salatela e versatevi i rigatoni. Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nel tegame con le cipolle, aggiungete il ciauscolo e la ricotta salata, mescolate delicatamente per alcuni minuti, distribuite nei piatti dei commensali e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF