Taglierini al nero di seppia con branzino e lime

taglierini nero seppia_150
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini al nero di seppia Val di Vara
300 g filetti di branzino
2 lime
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
1 spicchio aglio
sale, pepe, prezzemolo

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Scamiciate lo spicchio d'aglio, tritate il prezzemolo, spremete un lime, grattugiate la parte verde della buccia del secondo, quindi pelatelo al vivo e ricavatene degli spicchi, poi tagliateli ancora trasversalmente per ottenere dei triangoli.
In un tegame scaldate un po' di olio EVO con lo spicchio d'aglio; dopo qualche minuto togliete l'aglio e aggiungete i filetti di branzino. Rosolate da entrambi i lati, quindi irrorate con il succo di lime; aggiustate di sale e pepe e continuate la cottura a fuoco dolcissimo per pochi minuti lasciando che i filetti si sfaldino. Tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel sugo, aggiungete i triangoli di lime ed il prezzemolo tritato, mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite, decorando con la buccia di lime grattugiata.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Gigli con capesante e finocchietto selvatico

Il mare e la terra... la delicatezza delle capesante e l'asprezza del finocchietto... 
Ingredienti (per 4-6 persone):
gigli_300
500 g gigli o campanelle
400 g capesante sgusciate
2 mazzetti finocchietto selvatico
50 g pinoli
1 lime
burro, olio EVO
1 scalogno
brandy
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Pulite, lavate e tritate lo scalogno.
Lavate molto bene e asciugate il lime.
Sciacquate e asciugate le capesante, quindi separate il corallo dalla noce.
Pulite il finocchietto togliendo i gambi più duri, lavatelo e scuotetelo per eliminare l'acqua in eccesso, quindi lasciatelo sgocciolare.
In una capace padella fate scaldare del burro e, quando sarà caldo, aggiungete lo scalogno; lasciate imbiondire per qualche minuto, aggiungendo se necessario un cucchiaio d'acqua, poi aggiungete le capesante e soffriggetele brevemente; sfumate con il brandy e lasciate evaporare a fiamma alta. Aggiustate di sale e pepe, spegnete e tenete in caldo.
Frullate in un mixer un mazzetto di finocchietto con i pinoli e dell'olio per ottenere una crema abbastanza fluida.
Quando l'acqua bolle, salatela, tuffateci l'altro mazzetto di finocchietto e cuocete per 5 minuti; scolatelo e tagliuzzatelo. Intanto versate nell'acqua i gigli.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella con le capesante; aggiungete la crema di finocchietto e il finocchietto lessato e tagliuzzato, mescolate delicatamente per qualche minuto a fiamma bassa, quindi distribuite nei piatti, aggiungete una grattugiata di buccia di lime (solo la parte verde) e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF