Penne con ricotta e pomodoro

penne rigate 7036694_orig_no background
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g penne rigate
100 g ricotta
250 g passata di pomodoro
1 scalogno
olio EVO
origano
parmigiano grattugiato
sale, pepe, zucchero

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritate finemente lo scalogno.
Scaldate un tegame sul fuoco, quindi aggiungete un filo d'olio EVO e lo scalogno. Fate soffriggere per qualche minuto, poi aggiungete anche la passata di pomodoro, un pizzico di zucchero e la ricotta. Aggiustate di sale e pepe e spolverate di origano. Continuate la cottura a fuoco molto dolce aggiungendo, se necessario, un po' di acqua di cottura. Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le penne.
Una volta cotte, versatele nel tegame con il sugo; spolverate con il parmigiano e lasciate insaporire per un paio di minuti, poi distribuite nei piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini freschi all’ortica con polipetti affogati

taglierini ortica_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
1 kg Taglierini freschi all'ortica Val di Vara
800 g polipetti
500 g passata di pomodoro
1 spicchio d'aglio (se piace)
Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
prezzemolo tritato
sale, pepe, peperoncino, zucchero

Pulite i polipetti, eliminate occhi e becco, lavateli bene e metteteli in un tegame; aggiungete la passata, alcuni cucchiai d'olio, l'aglio, sale, pepe, zucchero e peperoncino. Chiudete il tegame con il coperchio, e cuocete a fuoco basso per 30 minuti, senza mai aprire il tegame, ma agitandolo di tanto in tanto. Aggiungete quindi il prezzemolo tritato e lasciate cuocere ancora 15 minuti, sempre con il coperchio. Nel frattempo mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini.
Quando saranno al dente, scolateli e distribuiteli nei piatti, aggiungete una porzione abbondante del sugo in cui sono cotti i polipetti e servite molto caldi. Utilizzate i polipetti come gustosissimo secondo. In alternativa, aggiungete anche i polipetti ai taglierini e servite il tutto come piatto unico... non si lamenterà nessuno :-)

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Ravioli di magro con tonno fresco, porri e pomodoro

raviolo verde_lr
Ingredienti (per 4-6 persone):
  • 1 Kg Ravioli di magro con sfoglia verde Val di Vara
  • 500 g tonno fresco
  • 1 porro
  • 200 g passata di pomodoro
  • 1/2 bicchiere prosecco
  • Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
  • sale, pepe, zucchero

Pulire il porro eliminando la parte verde, tagliarlo a rondelle, lavarlo e stufarlo in padella per 15 minuti con poco d’olio, una punta di pasta d’acciughe e un poco di brodo vegetale o acqua.
Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Nel frattempo, tagliare il tonno a dadini e rosolarlo in una padella con poco olio, Quando avrà preso colore, bagnate con il prosecco e fate evaporare.
Nel mixer, riducete il porro stufato ad una crema, quindi aggiungetelo al tonno; aggiungete anche la passata di pomodoro, un pizzico di zucchero, salate e pepate. lasciate cuocere per 5 minuti, quindi tenete in caldo.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i ravioli.
Quando i ravioli saranno al dente, scolateli e versateli nella padella; mescolate delicatamente per un paio di minuti a fiamma bassa quindi versate in una zuppiera o direttamente nei piatti dei commensali e servite.

Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Taglierini bio all’ortica con gli involtini di carne

taglierini ortica
Ingredienti (per 4-6 persone):
  • 500 g Taglierini biologici all'ortica Val di Vara
  • 8/12 fettine di carne di manzo non troppo spesse (grandi circa come una mano)
  • 8/12 fettine di lardo
  • 600 g pomodori pelati o passata di pomodoro o pomodori freschi
  • 100 g pecorino grattugiato
  • prezzemolo tritato
  • alcuni spicchi d’aglio tritati finemente ed alcuni interi
  • Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
  • vino bianco
  • basilico
  • sale, pepe

Guarnire l’interno degli involtini con sale e pepe, stenderci le fettine di lardo, aggiungere prezzemolo ed alcuni pezzettini di aglio e spolverare con pecorino.
Arrotolare le fettine e fermarle con gli stuzzicadenti, cercando di non farli sporgere altrimenti è difficoltoso girarli.
In una padella larga scaldare un filo d’olio ed alcuni spicchi di aglio (da togliere quando saranno imbionditi), quindi aggiungere gli involtini. Rosolare a fiamma vivace e girarli per alcuni minuti; quando saranno ben rosolati da tutti i lati, aggiungere una spruzzata di vino bianco e fare evaporare.
Aggiungere il pomodoro, salare e versare mezzo bicchiere di acqua (se il pomodoro è fresco, meno). Coprire, abbassare il fuoco e continuare la cottura per circa un’ora, o finché la carne non è tenera, aggiungendo, se necessario, ancora un po’ di acqua.
A fine cottura spegnere la fiamma ed aggiungere le foglie di basilico.
Quando gli involtini sono quasi cotti mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli e distribuiteli nei piatti, aggiungete una porzione abbondante di sugo, spolverate di pecorino e servite. Il pane per la scarpetta è obbligatorio!
Utilizzate gli involtini come secondo, servendoli con un accompagnamento di verdure a piacere.

Alternativamente, condite i taglierini con il sugo ed una paio di involtini e servite come piatto unico.

Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Taglierini freschi con le polpettine

taglierini uovo_lr
Ingredienti (per 4-6 persone):
  • 1 Kg Taglierini freschi all’uovo Val di Vara
  • 600 g carne macinata
  • 1 scalogno
  • Olio extravergine di oliva estratto a freddo di Levanto
  • 400 g passata di pomodoro
  • 100 g formaggio grattugiato
  • erba cipollina
  • pane grattugiato
  • sale, pepe, vino bianco, zucchero

Mettete in un contenitore la carne macinata, il formaggio grattugiato (tranne una manciatina che userete alla fine), un po’ di erba cipollina, sale e pepe.
Mescolate bene il tutto, quindi preparate delle palline della grandezza di un po’ meno di una noce, rotolandole tra i palmi delle mani. Passatele nel pane grattugiato e tenetele a parte.
Tritate uno scalogno e mettetelo in una capace padella con un filo di olio EVO. Fatelo appassire, quindi aggiungete le polpettine e fatele girare per qualche minuto. Quando avranno preso colore, spruzzate con il vino bianco, fatelo evaporare, quindi portate a cottura aggiungendo, se necessario, un po’ di brodo o di acqua.
Mentre le polpettine cuociono, mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate i taglierini.
Non appena le polpettine sono cotte (circa 15 minuti) trasferitele temporaneamente in un piatto, e aggiungete nella padella la passata di pomodoro. Insaporite con un pizzico di zucchero, sale pepe e erba cipollina e lasciate cuocere dolcemente.
Cuocete i taglierini per 2 minuti meno di quanto indicato sulla confezione, quindi scolateli e versateli nella padella con il pomodoro; aggiungete polpettine e fate insaporire per 2 minuti.
Versate direttamente nei piatti dei commensali, aggiungete una spolverata di formaggio grattugiato e servite.

Buon appetito!
Print Friendly and PDF

Spaghetti all'Amatriciana

Alla fine del diciottesimo secolo l'uso del pomodoro si diffonde nel regno di Napoli, di cui al tempo la città di Amatrice fa parte, e nasce così la ricetta rossa, arricchita dei pomodori San Marzano...
Questa è la versione originale tratta dal disciplinare De.C.O.
Ingredienti (per 4-6 persone):
Spaghetti
500 g spaghetti
125 g guanciale Amatriciano De.C.O.
un goccio vino bianco secco
6-7 pomodori San Marzano oppure 400 g pomodori pelati
un pezzetto di peperoncino fresco o essiccato
olio EVO
pecorino di Amatrice De.C.O. grattugiato
sale, pepe nero macinato al momento

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Fate imbiondire, in una padella rigorosamente di ferro, rosolando leggermente nell'olio EVO, il guanciale Amatriciano, ben nettato da cotica e tagliato a listelli lunghi.
Aggiungete il vino bianco e pepe nero q.b., e cuocete a fuoco basso per alcuni minuti finché il guanciale non risulterà leggermente dorato, facendo molta attenzione che non si rosoli troppo, regola fondamentale per la riuscita della ricetta.
Quando l’acqua bolle, salatela e tuffate gli spaghetti.
Quando la pasta sarà al dente, scolatela e versatela nella padella; aggiungete abbondante pecorino di Amatrice grattugiato e pepe nero; mescolate delicatamente per un paio di minuti quindi distribuite nei piatti dei commensali e servite.
Buon appetito!
Print Friendly and PDF