Malloreddus con vongole, verza e bottarga

malloreddus singolo
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g malloreddus
500 g vongole
500 g verza
200 g pomodori datterini
10 g bottarga di muggine o tonno
1 scalogno
vino bianco
olio EVO
sale, pepe, zucchero

Lavate le vongole e mettetele a bagno con acqua e sale per almeno un'ora.
Tritate la verza sottile e lavatela bene.
Tritate anche lo scalogno e tagliate i pomodori in quattro.
Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Disponete le vongole in un tegame con qualche cucchiaio di olio EVO e acqua e fatele aprire a fuoco vivo per 5 minuti con il coperchio. Eliminate le vongole che non si fossero aperte, estraete i molluschi e teneteli a parte, conservandone qualcuno con la conchiglia per guarnire, e filtrate il liquido di cottura. Sciacquate il tegame per eliminare eventuale sabbia e ponetelo nuovamente sul fuoco, quindi aggiungete un filo d'olio EVO e lo scalogno. Fate soffriggere per qualche minuto, poi aggiungete anche la verza e lasciate insaporire; aggiustate di sale e pepe. Sfumate con il vino bianco e, quando sarà evaporato, aggiungete il liquido delle vongole filtrato, i pomodorini ed un pizzico di zucchero. Continuate la cottura a fuoco molto dolce per 10 minuti, aggiungendo, se necessario, un po' di acqua di cottura. Dopo i 10 minuti, aggiungete anche le vongole sgusciate.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete malloreddus.
Una volta cotti, versateli nel tegame con il sugo; spolverate con la bottarga e lasciate insaporire per un paio di minuti, poi distribuite nei piatti, guarnite con le vongole con il guscio che avevate tenuto a parte e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Trofie di farina di castagne alla moda dei pizzoccheri

trofie_lr_small
Ingredienti (per 4-6 persone):
250 g Trofie di farina di castagne Val di Vara
250 g verza già pulita
250 g patate
250 g formaggio Casera
100 g burro
1 spicchio aglio
salvia
sale, pepe

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua ed accendete il forno a 200°C.
Tagliate la verza a strisce, le patate a cubetti di circa 2 cm di lato e grattugiate grossolanamente il Casera.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete le verdure tritate; dopo 5 minuti, versate nell'acqua anche le trofie.
Imburrate una pirofila e scaldatela in forno.
In un tegame, fate fondere il burro, quindi aggiungete l'aglio e la salvia e fate soffriggere per 5 minuti circa.
Quando le trofie saranno al dente, scolatele insieme alle verdure; recuperate la pirofila dal forno e versate un terzo delle trofie e verdure, un terzo del Casera, quindi componete altri due strati identici. Togliete lo spicchio d'aglio dal burro fuso, quindi versatelo sopra la pasta e le verdure nella pirofila, rimettete in formo per 3-4 minuti e servite molto caldo.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Tagliatelle di castagne con verzini e verza

tagliatelle castagne_200
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Tagliatelle di castagne Val di Vara
6 verzini
1 piccola verza
1 cipolla
1 carota
1 gambo di sedano
100 g passata di pomodoro
olio extravergine d'oliva
vino bianco
parmigiano grattugiato
sale, pepe, zucchero

Mettete ad ammollare l'uvetta con del brandy.
Tagliate il radicchio a striscioline, lavatelo bene sotto l'acqua corrente e lasciatelo in ammollo in acqua fredda per 30 minuti, cambiando l'acqua ogni 10 minuti per togliere un po' d'amaro; quindi scolatelo senza asciugarlo troppo (l'acqua residua aiuterà la cottura).
Mettete sul fuoco una capace pentola piena d’acqua.
Tritate finemente lo scalogno.
In un tegame mettete un pezzo di burro, quindi aggiungete lo scalogno e fate soffriggere per qualche minuto; aggiungete anche il radicchio scolato e le uvette, tenendo da parte il brandy che aggiungerete dopo qualche altro minuto. Quando sarà evaporato aggiungete la ricotta e le noci ed aggiustate di sale e pepe a piacimento. Se occorre, potete allungare con un po' di acqua di cottura per tenere la crema morbida.
Quando l’acqua bolle, salatela e aggiungete le tagliatelle ed un filo d’olio.
Quando le tagliatelle saranno al dente, scolatele, versatele nel sugo e mescolate delicatamente per un paio di minuti, quindi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Taglierini bio integrali con verza e merluzzo

taglierini bio integrali
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g Taglierini biologici integrali Val di Vara
400 g merluzzo pulito
1 verza media
100 ml panna da cucina
1 piccola cipolla
olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino curry
sale, pepe

Ponete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua.
Tritate la cipolla e tagliate il merluzzo a cubetti.
Pulite la verza: sfogliatela, tritatela a striscioline eliminando la parte dura centrale e lavatela più volte accuratamente per eliminare tutta la terra. Scolatela ma non asciugatela (l'acqua vi aiuterà nella cottura).
Scaldate sul fuoco un tegame e, quando sarà ben caldo, aggiungete un filo d'olio EVO, il curry e la cipolla; soffriggete qualche minuto, quindi aggiungete la verza. Fate prendere calore, in modo che diminuisca un po' di volume, poi aggiungete anche il merluzzo. Aggiustate di sale e pepe, e cuocete a fuoco dolce allungando, se necessario, con un po' di acqua di cottura della pasta.
Quando l'acqua bolle, salatela e aggiungete i taglierini ed un filo d’olio.
Aggiungete la panna nel sugo e continuate la cottura a fuoco dolce.
Quando i taglierini saranno al dente, scolateli, versateli nel tegame, mescolate delicatamente per qualche minuto, poi suddividete nei singoli piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF

Scrigni di verza con sorpresa di pennette e guanciale

pennette-rigate-bio-vallolmo_300
Ingredienti (per 4-6 persone):
500 g pennette rigate
250 g guanciale in fette non troppo sottili
500 ml besciamella
150 g pecorino stagionato
1 grossa verza
1 spicchio aglio
olio EVO
sale, peperoncino

Mettete sul fuoco una capace pentola piena d'acqua e accendete il forno a 180°C.
Sfogliate la verza e lavatela molto bene, quindi lessate le foglie più grandi per 5 minuti in acqua bollente salata, che poi userete per far lessare la pasta, quindi scolatele e mettetele in un recipiente con acqua e ghiaccio (saranno necessarie 2-3 foglie a persona).
Riportate a bollore l'acqua, quindi tuffate le pennette.
Pelate e schiacciate lo spicchio d'aglio con la lama di un coltello tenuta di piatto, e tagliate a dadini il guanciale.
Mettete sul fuoco un largo tegame con pochissimo olio EVO e, quando sarà caldo, aggiungete l'aglio e soffriggete per alcuni minuti, quindi aggiungete il guanciale. Lasciate sul fuoco in modo che il guanciale diventi croccante e perda parte del suo grasso.
Mescolate la besciamella con 100 g di pecorino.
Quando la la pasta sarà molto al dente, scolatela e versatela nel tegame, mescolate per qualche minuto e fiamma viva per scaldare ed insaporire tutto insieme; stendete una foglia di verza, riempitela con un paio di cucchiaiate di pasta e guanciale, un po' di besciamella al pecorino e chiudetela come se fosse un involtino, quindi depositatela in una teglia che avrete rivestivo di carta da forno. Continuate con le altre foglie, avendo cura di conservare qualche cucchiaio di besciamella per guarnire.
Alla fine, spolverate con il pecorino e la besciamella rimasti, infornate per 15 minuti circa, quindi distribuite nei piatti e servite.

Buon appetito!

Print Friendly and PDF